Le foto storiche dell'Ospedale Maggiore

Un'ambulanzaAvete tempo fino al 25 febbraio per andare a scoprire alcune immagini che ritraggono il glorioso passato meneghino. La mostra "L'Occhio clinico. Milano nelle fotografie storiche dell'Ospedale Maggiore Policlinico, Mangiagalli e Regina Elena", promossa dalla Fondazione IRCCS e allestita nelle sale del Museo di Milano in via Sant'Andrea 6, ripercorre tutte le fasi architettoniche degli edifici: dall’architettura ottocentesca per proseguire con le immagini del Novecento prima dei bombardamenti nel 1943.

L'Ospedale Maggiore venne commissionato da Francesco Sforza all'architetto Antonio di Pietro Averlino, detto il Filarete, per i poveri di Milano. La prima pietra della cosidetta "Ca' Granda" fu posta il 12 aprile 1456. L'ospedale - il cui edificio adesso ospita l'Università degli Studi di Milano - fu disegnato con criteri di modernità: le camerate per i malati - ad esempio - erano dotati di canaline percorse dall'acqua del vicino Naviglio per mantenerne l'igiene ed evitare il diffondersi delle infezioni. Nell’Ottocento tra ampliamenti e donazioni si arrivò a quasi duemila quattrocento posti letto. Gli scatti, circa un centinaio, sono di Icilio Calzolari e Michele Torroni e provengono dal grande archivio ospedaliero.

Nella foto uno degli scatti in mostra: una carrozza ambulanza dell'ultimo quarto dell'Ottocento.

Orario: dalle ore 14.,00 alle 17.30
Chiuso il lunedì
L'ingresso è gratuito

  • shares
  • Mail