In Ticinese locali aperti fino alle 3 di notte

Colonne di San Lorenzo I nuovi orari in via sperimentale dovrebbero entrare in vigore entro questa settimana, come stabilito dal Duc di Ticinese in accordo con le associazioni dei residenti e con la Polizia Locale, fino al 31 ottobre. La deroga all’orario di chiusura interesserà la zona compresa fra le Colonne di San Lorenzo e corso di Porta Ticinese.

“Grazie al confronto e alla condivisione del provvedimento avvenuta all’interno del Duc Ticinese, siamo riusciti a identificare la soluzione migliore per far convivere le esigenze dei commercianti, i diritti dei residenti e il bisogno di svago degli avventori” ha commentato soddisfatto l’assessore al Commercio Franco D’alfonso.

Tutti contenti dunque? Non esattamente. Stando alle nuove regole i locali provvisti di “dehor” avranno la possibilità di rimanere aperti fino alle tre, ma di somministrare cibi e bevande all’esterno solo fino alle due, mentre quelli che non posseggono uno spazio all’esterno (la maggior parte) potranno vendere bevande d’asporto solo fino all’una, e rimanere aperti, a porte chiuse per evitare schiamazzi, fino alle tre.

Il che significa, in altre parole, che le amate birrette da sorseggiare seduti in piazza davanti alle Colonne saranno reperibili solo fino all’una. Avete presente che la maggior parte dei locali che non ha i tavolini all’esterno è in effetti composta da piccolissimi baretti in cui comprare una birra e uscire, no? Sembra dunque improbabile che questi locali, dall’una alle tre si riempiranno di avventori stretti all’interno per fare la fine delle sardine alcolizzate.

La ragione del successo che da anni, nonostante le restrizioni, si muove intorno alla zona delle Colonne, è proprio quello di essere una delle poche piazze di Milano in cui è possibile stare all’aperto e passare una serata tranquilla. Non si capisce quindi perché in piena estate qualcuno dovrebbe preferire rinchiudersi in un locale, a porte chiuse, magari minuscolo e senza aria condizionata. Forse per amore di un cocktail?

Quello che proprio non si riesce a impostare è una politica della movida notturna che tenga conto del bisogno di godere di una birra all’aperto e non esser costretto a rinchiudersi in un locale, considerando, oltretutto, che è già quello che avviene durante tutto l’inverno. Forse se ci fossero più spazi all’aperto ci sarebbero meno persone in zona Ticinese, che ne dite?

Foto di Fabbio, Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail