Timori per la serrata estiva dei negozi

negozi milano agosto

Ogni anno, la settimana precedente al grande esodo agostano, il terrore serpeggia tra i cittadini che passeranno l'estate a Milano: i negozi resteranno aperti? Quest'anno, complice la crisi, il numero dei milanesi che resterà in città sarà più alto del solito. Anche il Comune si è preoccupato che i commercianti garantiscano un po' di vita e soprattutto di approvvigionamenti per il periodo vacanziero.

L'assessore al commercio D'Alfonso ha lanciato un appello ufficiale ai negozianti:

Quest’anno saranno molti i milanesi che resteranno in città, per scelta o necessità. Rivolgo quindi un invito ai commercianti affinché la risposta di tutti gli esercizi, soprattutto quelli di vicinato, sia adeguata alla domanda e si eviti la serrata agostana

Le istituzioni cittadine si augurano che resti aperto almeno il 30% dei negozi e hanno elaborato un protocollo insieme alle associazioni di categoria per riuscire a raggiungere l'obiettivo.

Di certo, se molti milanesi resteranno a casa, è probabile che anche molti commercianti, che pure loro milanesi sono, resteranno in negozio: la crisi martella tutti, clienti e esercenti.

Al di là della contingenza e del periodo duro, è ormai da un paio di decenni che non assistiamo più alla vera e propria serrata d'agosto: una bella fetta di popolazione fa vacanze scaglionate e se nel proprio quartiere i negozi sono chiusi, ci sono sempre i centri commerciali, che chiudono (forse) solo il giorno di Ferragosto.

Tra voi lettori c'è qualche commerciante che avrebbe voluto andare in vacanza e invece rimane in città, perché non può rinunciare nemmeno ai risicati guadagni del periodo di solito dedicato alle ferie?

Foto | Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail