Registro delle unioni civili approvato: dopo un dibattito infinito arriva l'ok del Consiglio comunale

registro coppie di fatto milano

Il Consiglio comunale di Milano, dopo una seduta durata più di mezza giornata, ha approvato l'introduzione del registro cittadino delle unioni civili. Durante il dibattimento ci sono stati molti momenti di scontro, sia nel metodo adottato per la discussione e la votazione, sia nel merito di un tema che probabilmente più "caldo" non si può.

La maggioranza è rimasta compatta, nonostante l'astensione di alcuni suoi membri di area cattolica. Tatarella del Pdl e Manfredi Palmeri di Fli hanno detto sì all'istituzione del registro.

Alle 3 e 42 del mattino, con 29 voti favorevoli, 7 contrari e 4 astenuti il Consiglio ha approvato il regolamento.

Dopo il voto Pisapia ha preso la parola per ringraziare tutti i consiglieri per "l'alto livello degli interventi in aula". Il sindaco ha ribadito che non è stata creata una scorciatoia per i matrimoni gay, ma ha sottolineato che in questo modo sono state eliminate potenziali discriminazioni. Secondo Pisapia l'approvazione del registro a Milano potrà essere un pungolo per il Parlamento, perché affronti la questione delle coppie di fatto e produca una legislazione che regoli un tema così importante.

"Oggi abbiamo fatto un passo avanti nella direzione di una città più giusta. Abbiamo ridotto molto lo spread dei diritti civili che avevamo con molte città europee. Da domani uomini e donne che si vogliono bene saranno più felici: di questo io sono felice." Queste le parole conclusive del primo cittadino.

Foto © TM News

  • shares
  • +1
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: