Finisce la sperimentazione notturna del bike sharing

sperimentazione notturna bike sharing milano

Cominciamo con l'inquadrare la vicenda citando alla lettera il comunicato del Comune:

Sabato 5 agosto si è conclusa, la sperimentazione dei primi due mesi di servizio notturno del Bike sharing. Attivo dalle 7 alle 2 del mattino durante la settimana e 24 ore su 24 nel weekend, il notturno ha registrato più di 16.000 utilizzi in totale, di cui circa 7.500 nel mese di giugno e quasi 8.600 a luglio. La media di prelievi raggiunge quota 280 a notte e sale a 350 nei giorni di mercoledì, giovedì e venerdì. Il record di utilizzi è stato registrato nella notte di giovedì 12 luglio con 418 prelievi, seguito dai 401 di giovedì 26 luglio.

Sono numeri buoni, risultato di un'iniziativva di successo, non cè dubbio. E allora perché non continuare da subito con il bike sharing notturno? E' colpa delle ferie in arrivo? Speriamo di no, speriamo di non abitare in una città in cui agosto è un muro insormontabile anche per le buone idee delle istituzioni.

La logica ci porta a pensare che durante le vacanze, con meno traffico, andare in giro in bici è più piacevole e dunque una maggiore offerta di bici gialle sarebbe stata davvero gradita, anche dopo il periodo di sperimentazione. Il timore è che, come spesso purtroppo capita, dopo un periodo di prova anche soddisfacente, ci si dimentichi di far diventare regolare il servizio sperimentato.

Tra i lettori di 02blog c'è qualche sperimentatore notturno del bike sharing?

Foto | Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: