Macro Botellon parte 2°: 29 settembre in piazza Leonardo Da Vinci

Scritto da: -

Botellon è un termine relativamente nuovo per noi. Indica una tradizione nata tra i giovani spagnoli, precisamente andalusi. Giovani ragazzi - consuetudine vuole squattrinati - che si ritrovano in una piazza e iniziano a bere alcolici preparati da casa: coca e rum per la maggiore, ma anche il famoso calimocho, ovvero coca e vino.

Una tradizione nata come rottura verso una certo tipo di locali trendy e dei prezzi alle stelle. Si rivendica la libertà al divertimento senza vincoli e soprattutto per bere e sbronzarsi senza nessuna preoccupazione di sorta. Da buoni amanti delle culture urbane non potevamo esimerci dal narrare il fenomeno del Botellon che a Milano ha attecchito da qualche annetto. Così sulla pagina ufficiale dell’evento:

Ogni partecipante ha il “compito” di attrezzarsi con bottiglie di vino o bevande, bicchieri, qualcosa da sgranocchiare, chitarra, djembèe, percussioni, strumenti e musica insomma, e soprattutto tanta voglia di fare fiesta semplicemente stando insieme, con un po’ di creatività. I rifiuti vengono raccolti alla fine della festa per semplificare il lavoro agli addetti alle pulizie del proprio Comune.

Dopo innumerevoli Botellon organizzati in Bicocca gli organizzatori tornano in piazza Leonardo da Vinci, di fronte al Politecnico, per il primo raduno nazionale. Il 29 settembre si terrà contestualmente in 24 città d’Italia e il numero è destinato ad aumentare con nuove adesioni. La raccomandazione da parte dei promotori è sempre la solita: No vetro, no ubriachezza, no oggetti di valore e collaborazione (eventuale) con le forze dell’ordine.

Foto | Flickr

Vota l'articolo:
3.89 su 5.00 basato su 19 voti.  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Macro Botellon parte 2°: 29 settembre in piazza Leonardo Da Vinci

    Posted by: jason

    "divertimento senza vincoli e soprattutto per bere e sbronzarsi senza nessuna preoccupazione di sorta" Starò diventando un matusa, ma è proprio una roba da c0glioni. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Macro Botellon parte 2°: 29 settembre in piazza Leonardo Da Vinci

    Posted by: ipad2forme

    Che bello, sono quei 4 sf1gat1 mezzi c0gli0ni che rompono la fava fine alle 5 del mattino con voce alta, litigate, e pisc1ano come cani sui marciapiedi, bello bello. Ma come al solito è perché non hanno spazi d'aggregazione… ah ecco, non perché sono completamente cerebrolesi… Gente che ascolta i Club Dogo di sicuro. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 3 su Macro Botellon parte 2°: 29 settembre in piazza Leonardo Da Vinci

    Posted by: dario3004

    ipad2forme mi spiace che la tua vita è veramente così triste. ma non ti preoccupare, c'è ancora tempo per cambiare! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 4 su Macro Botellon parte 2°: 29 settembre in piazza Leonardo Da Vinci

    Posted by: jason

    dario3004, si scrive "mi spiace che la tua vita SIA veramente così triste" Si può anche studiare oltre ad andare ai botellon. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 5 su Macro Botellon parte 2°: 29 settembre in piazza Leonardo Da Vinci

    Posted by: codroipo

    "Giovani ragazzi - consuetudine vuole squattrinati-.." appunto, e dov'è sta gente a Milano? giusto queste pseudo tradizioni di quei perditempo e spendaccioni degli spagnoli potevano importare…la prossima cos'è la tomatinha, la corsa di san Firmino o il toro embolado? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 6 su Macro Botellon parte 2°: 29 settembre in piazza Leonardo Da Vinci

    Posted by: dario3004

    @jason la ringrazio della sua consulenza di grammatica. ma dato il suo altissimo livello di studio, poteva almeno esprimere un concetto inerente all'articolo, ma come si suol dire: "lo sciocco guarda il dito" PS: ho scritto bene questa volta? sono un ragazzo pigro oltre che analfabeta, non ho mai voglia di rileggere le virtuose prose che scrivo nei commenti di un blog:-) Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 7 su Macro Botellon parte 2°: 29 settembre in piazza Leonardo Da Vinci

    Posted by: ipad2forme

    @dario vattelapesca 785459 Sono triste solo perché non approvo la consuetudine in voga tra i "GG"iovani d'oggi di sballarsi con alcol e droghe e di scassare 3/4 di mazza al prossimo? Oppure perché i Club Dogo sono il tuo gruppo preferito di musica tamarra/coatta pseudo gang dei poveri che va tanto di moda tra i Beavis & Butthead nostrani? Quali di queste due opzioni ti ha ferito nell'onore, Mimì Metallurgico? Avanti, facci sognare. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 8 su Macro Botellon parte 2°: 29 settembre in piazza Leonardo Da Vinci

    Posted by: dario3004

    @ipad2forme quello che ti rende triste (almeno a uno che legge i tuoi commenti) è il tuo atteggiamento negativo verso qualsiasi cosa: dall'area C ad un misero botellon. è un comportamento classico da vecchio bacucco al bar che bestemmia davanti al bianchino no? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 9 su Macro Botellon parte 2°: 29 settembre in piazza Leonardo Da Vinci

    Posted by: dadotondo

    lascia stare dario prima o poi si accorgerà anche lui che son circa 40 anni che i "giovani d'oggi" si sballano con alcol e droghe, forse ai giorni nostri soffriamo solo un udito molto più sensibile. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 10 su Macro Botellon parte 2°: 29 settembre in piazza Leonardo Da Vinci

    Posted by: botellon_milanoviviamo

    Articolo vergognoso perchè non fa altro che demonizzare i giovani. Anzitutto vorremmo precisare che noi non abbiamo nulla a che fare con chi ha organizzato i botellon in bicocca. Quelli che abbiamo fatto durante il periodo repressivo di De Corato, li abbiamo svolti sulla collinetta dei ciliegi. C'erano 500-600 persone che facevano festa in tranquillità poi ci sono stati sicuramente dei cani sciolti che fanno macello e basta. Noi mettiamo sacchetti grossi gialli e neri ovunque in piazza per incentivare i giovani a buttare la sporcizia nei sacchetti stessi. Il BOTELLON non deve essere una cosa fine a sè stessa. Ogni giorno dovrebbe esserci un botellon e sai perché? Perchè solo così i locali della tua città abbasseranno gli assurdi prezzi per poter passare una bella serata con gli amici. Il botellon è uno stile di vita. Guarda in Spagna, in tutte le città molte sere a settimana vi è un botellon. Magari tra amicizie allargate, magari un centinaio di p ersone. Ma questo porta inevitabilmente i gestori dei locali e delle discoteche a rivedere e calmierare i loro prezzi pazzi per riacquistare la clientela. Per fare un esempio, in Spagna un birra in un bar ti viene a costare tra 1 e 2 euro. In Italia siamo a livelli folli, con punte di 6-7 euro in città come Milano. Questo è il motivo per cui è nato il botellon e per cui si fa il botellon. Fare una festa all'anno non serve a questo scopo. Un parallelo potrebbe essere il prezzo della benzina. Se tutti quanti decidessimo di andare a fare la benzina solo da un particolare gestore (utopisticamente le pompe bianche), un calo di vendite di qualche punto percentuale sulle grandi compagnie petrolifere le farebbe tremare e costringere a rivedere gli assurdi prezzi che abbiamo in Italia: 2 euro per un litro!!! Questo avviene perché non vi è quella capacità del "cliente" di unirsi con gli altri per abbattere un'assurdità. Sono riusciti a farlo in Spagna per i bar, perché non tentare anche in Italia? Basterebbe un pò di volontà! Inoltre, un altro aspetto da portare alla luce è che in Spagna, col fatto che il botellon è diventato un abitudine, i giovani si organizzano meglio, come portare bevande in plastica e non sporcare eccessivamente come invece un solo evento per anno porta le persone a concedersi tutto e anche la mancanza di rispetto per l'ambiente. Non tradiamo lo spirito di chi ha importato il botellon in Italia. Lottiamo per qualcosa, non per fare una festa fine a sé stessa Scritto il Date —