Bando pubblico del Comune per il centro islamico di Viale Jenner

Un bando di concorso comunale per offrire un edificio a pagamento alla comunità islamica di Viale Jenner, la cui attuale sede è sotto sfratto. E' quanto affermato oggi dal vice sindaco di Milano Maria Grazia Guida, che specifica che non si tratta di una corsia preferenziale ma:

la chiara volontà di risolvere questa e altre emergenze lasciate irrisolte dalle precedenti amministrazioni. La libertà di culto è un diritto riconosciuto dalla Costituzione e noi intendiamo garantirla

Finora si era rimandata la risposta a dopo l'approvazione del Pgt, dal quale sarebbe dovuta emergere qualche segnalazione su nuove aree edificabili a spese degli islamici. Ora esce anche l’ipotesi di assegnare spazi a chi ha le caratteristiche di trasparenza e legalità necessarie per essere iscritto al primo albo delle religioni.

Si andrebbe così a risolvere, si spera definitivemente, l'annoso problema di convivenza tra la comunità e gli abitanti della zona che spesso polemizzavano e protestavano quando gli islamici erano obbligati a pregare sui marciapiedi, a causa degli esigui spazi a disposizione.

L'amministrazione comunale, oltre ad assicurare che già nel mese di dicembre si discuterà sull'istituzione dell'albo delle confessioni religiose, ha messo tra le priorità anche la casa della Cultura Islamica di Via Padova e la ricerca di un luogo di culto anche per gli evangelici.
Dopo anni di ritardi e polemiche, spesso strumentalizzate da centrodestra, lega e comitati di cittadini, occorre dare alla città una risposta definitiva.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: