L'amianto tra le macerie del Palalido fa slittare i lavori

Ci eravamo stupiti per la sua demolizione, dato che pensavamo a una semplice ristrutturazione. E ora cominciano ad affiorare i primi problemi: anche tra le macerie del vecchio Palalido, come già nella copertura, sono stati trovati tubi di amianto: la scoperta, comunicata dal presidente di Milanosport Pierfrancesco Barletta, rischia di ritardare i lavori del nuovo palazzetto che dovrà diventare la casa dell’EA7 Olimpia Milano di basket. Barletta si affretta però a precisare:

Ci farà ritardare di qualche mese ma rimane fermo l’impegno di consegnare la nuova struttura in tempo per la prossima stagione sportiva

Interviene anche l'assessore allo sport del Comune di Milano Chiara Bisconti che conferma la volontà dell'amministrazione a vigilare sui lavori e soprattutto sulla salute dei cittadini:

Per questa Amministrazione la salute dei cittadini è prioritaria. È positivo quindi l'impegno di Milanosport a bonificare l'area del Palalido, come passaggio necessario per continuare i lavori di ristrutturazione. Dopo anni di ritardi delle precedenti Amministrazioni, la città aspetta di avere questo impianto completamente rinnovato. Il Comune continuerà a vigilare con attenzione e a collaborare per il rispetto della tempistica dei lavori che devono avere come obiettivo prioritario la sicurezza di tutti i milanesi

In nuovo nome del palazzetto nel 2013 sarà "PalaAj" (la squadra di basket si legherà alla struttura con un contratto di circa 6-7 anni che costerà all'Armani 400mila euro l'anno solo per la denominazione), una nuova copertura reticolare in acciaio e un aumento della capienza che arriverà a 5.500 spettatori. Il parterre potrà variare a seconda degli sport e degli eventi ospitati: dai concerti alle convention, dalle fiere alle sfilate di moda. Il tutto al costo di 8,7 milioni di euro, frutto della ricapitalizzazione della società partecipata da parte del Comune. Nel frattempo i lavori di demolizione, iniziati nel giugno scorso, stanno terminando, anche loro in ritardo per il ritrovamento di cemento amianto nella copertura che ha anche comportato un costo aggiuntivo di circa 190 mila euro.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: