Ciclisti a Palazzo Marino per avere più piste ciclabili a Milano


Drin, drin, drin, drin. Più o meno era questo lo slogan che ieri, nel tardo pomeriggio, andava per la maggiore al presidio di ciclisti davanti a Palazzo Marino. Erano tanti e tutti sulle due ruote per chiedere maggiore sicurezza per una categoria a rischio. A rischio investimento, a rischio smog, a rischio di furto (le bici rubate sono tantissime) e a rischio stress dati i rischi precedenti da evitare. Il partito dei ciclisti è assolutamente trasversale, c'erano giovani, anziani, impiegati e mezzi hippy, insomma tutti.

Il manifesto della manifestazione e le richieste sono semplici: più piste ciclabili, limiti di velocità più restrittivi là dove bici e auto devono convivere, più rastrelliere per le biciclette e traffico sui marciapiedi regolamentato. Insomma, i ciclisti non ne possono più e chiedono che Milano possa diventare come Amsterdam, Monaco di Baviera e altre città europee dove andare in bici è un diritto e non un avventura.


  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: