Saldi a Milano: dal 5 gennaio via agli acquisti scontati


Per molti l'appuntamento è già segnato sul calendario: da questo sabato iniziano i saldi a Milano. Qualcuno si toglierà qualche soddisfazione, se già non si è tolto qualche sfizio durante le svendite autorizzate dalla legge regionale n. 9 del 7 giugno 2012, che permette le vendite promozionali anche nei 30 giorni antecedenti i saldi.

La categoria dei commercianti spera in una ripresa degli acquisti con questi saldi, periodo nero che non è stato rinfrancato nemmeno con gli acquisti di Natale. Come ogni anno massima allerta per movimenti che tutelano i consumatori. Il Movimento Consumatori Milano ha stilato per l'occasione un vademecum per garantire che i diritti dei consumatore-acquirente siano pienamente rispettati.

Tra le regole, ad esempio, quella di verificare che siano ben indicati tre dati, il prezzo originario, la percentuale di sconto e il prezzo finale, e che le cifre indicate siano calcolate correttamente. E’ poi necessario conservare sempre lo scontrino, è un falso mito che i capi in svendita non possano essere sostituiti, se difettosi. Dopo il salto le potete leggere tutte.

1) Verificare che siano bene indicati 3 dati: il prezzo originario, la percentuale di sconto e il prezzo finale. In caso contrario si è probabilmente di fronte ad un raggiro, meglio non fidarsi ad acquistare.
2) Conservare sempre lo scontrino. E’ falso che i prodotti in saldo, se difettosi, non possano essere sostituiti.
3) Diffidare di capi eccessivamente scontati. I saldi oltre al 50% possono nascondere merce non di stagione o merce acquistata apposta per il saldo. Un confronto con i prezzi sul web può dare un’idea.
4) Non acquistate prodotti che non potete provare e verificate che i capi siano in condizioni perfette.
5) Alla cassa il prezzo indicato nell’etichetta non deve essere modificato per nessuna ragione.

  • shares
  • +1
  • Mail