Parcheggi della vergogna: stralciati definitivamente 4 progetti di parcheggi mai partiti


Per anni sono rimaste "sequestrate" intere aree a Milano. I motivi? proroghe, distrazioni e pratiche abbandonate negli armadi del Comune. Piano piano queste aree stanno per essere svincolate. Lucia Castellano, l'assessore ai Lavori pubblici (che a breve lascerà la giunta del sindaco Pisapia per candidarsi alla Regione), si è data un gran daffare per cancellare i progetti della vergogna. Di ieri la notizia dello svincolo di 4 progetti.

Si tratta delle aree in via Maestri del lavoro,i parcheggi sotterranei di via Bordighera (in zona Famagosta), piazzale Aquileia, proprio davanti a San Vittore, e piazza Sant'Agostino. Ad oggi sono 42 stralci rispetto al piano iniziale portato avanti dalle precedenti giunte. Tutte diverse la motivazioni che hanno portato allo svincolo. La società che si era aggiudicata l'area vicino a viale Papiniano (Marcora costruzioni) ha lasciato trascorrere anni senza mai presentare gli aggiornamenti del progetto richiesti.

Più paradossale la situazione in Sant Agostino dove il cantiere non è mai cominciato. Azienda fallita e progetto mai presentato con termine a 90 giorni dal 2004. Si, dal 2004. Progetto che è arrivato incompleto e "non approvabile" soltanto nel 2010. Ogni commento è superfluo. In ogni caso una buona notizia anche per Piazza Bernini, in città studi, svincolata a settembre, partono i lavori per la riqualificazione.

Entro il mese di gennaio, il Comune rientrerà in possesso anche di largo Gavirate, cantierizzato nel 2005 e bloccato da 7 anni da un cantiere ‘fantasma’: sarà così possibile preparare il progetto per la sistemazione dell’area. A giorni termineranno poi gli interventi di posa della segnaletica orizzontale e verticale in corrispondenza del parcheggio di Ampère/Compagni: i lavori, iniziati nel 2003, si erano conclusi a settembre con la sistemazione superficiale di via Ampère con nuovi alberi, panchine e fontane.

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: