Bob Dylan in mostra a Palazzo Reale. Pisapia: "emozionante incontrare Bob Dylan qui a Milano"

Non capita tutti i giorni di incontrare un mito del nostro secolo. Bob Dylan lo è a tutti gli effetti. Chiunque sarebbe stato emozionato di fianco ad un gigante simile, Pisapia compreso, che a giudicare dalla foto non si dimenticherà facilmente dell'incontro di oggi a Palazzo Reale per l'inaugurazione della sua mostra di dipinti "New Orleans Series", 23 opere realizzate dall’artista tra il 2008 e il 2011, visitabile fino alo prossimo 10 marzo a Palazzo Reale a ingresso gratuito. Così il nostro sindaco:

Per Milano è un onore ospitare nella cornice di Palazzo Reale, per la prima volta in Italia, le opere di un artista come Bob Dylan. Un grande musicista, che ha trovato ispirazione anche nella pittura. E’ stato emozionante incontrare Bob Dylan qui a Milano. Un poeta eccezionale che con le sue canzoni, il suo impegno civile per la pace, ha accompagnato le vite di tante generazioni e ancora oggi è seguito da moltissimi giovani. Bob Dylan è riuscito ad andare oltre il proprio orizzonte artistico, parlando a milioni di persone non solo con il linguaggio della musica, ma anche con quello della pittura

Per l'Italia si tratta della prima mostra del menestrello di Duluth. Tutti conoscono la gloriosa carriera musicale del bardo del Minnesota, "pochi però sanno che Dylan è da sempre anche un artista visivo, che disegna fin da quando era molto giovane e che verso la fine degli anni ‘60 ha iniziato a dipingere. La prima collezione di bozzetti e disegni, nata in un tour che lo portò dall’America in Europa e Asia tra il 1989 e il 1992, fu pubblicata nel 1994 in un libro dal titolo Drawn Blank ed esposta per la prima volta al Kunstsammlungen di Chemnitz in Germania nel 2007, rielaborata per la mostra in versione di acquarelli e gouaches con il titolo The Drawn Blank Series. Una seconda serie di tele vede la luce nel 2010, in occasione di una personale in Danimarca, alla National Gallery di Copenhagen, per la quale Dylan crea The Brazil Series".

L’evento espositivo sarà accompagnato dall’1 al 3 marzo 2013 da una rassegna cinematografica allo Spazio Oberdan dedicata a Bob Dylan, organizzata da Fondazione Cineteca Italiana. L'ultima proiezione è una chicca: un’opera mai distribuita in sala in Italia. Si tratta di Masked and Anonymous, realizzato dal regista Larry Clarke, con Bob Dylan nei ruoli di sceneggiatore e interprete protagonista e con uno stuolo di grandi attori: da Jeff Bridges, John Goodman e Jessica Lange, a Penelope Cruz, Luke Wilson, Angela Bassett, Ed Harris e Val Kilmer. Il calendario delle proiezioni lo trovate sulla pagina del comune dedicato all'evento.

  • shares
  • +1
  • Mail
13 commenti Aggiorna
Ordina: