Inquinamento del fiume Lambro: la protesta dei cittadini

Un filtro trattiene i rifiuti per mantenere più pulita l'acqua. Ma poi, nessuno pulisce.

Accadono cose strane: per esempio che il sistema ideato per mantenere pulito il fiume Lambro abbia come conseguenza di far accumulare i rifiuti tutti in un punto. Creando un odore nauseabondo e scatenando le proteste. Da mesi la Provincia è tempestata dalle richieste degli abitanti dell'Alzaia Naviglio Grande, che chiedono una sola cosa: "Venite a pulire lo scolatoio del Lambro".

Proteste che potrebbero aver funzionato, visto che - a quanto si dice - giovedì della settimana prossima potrebbero finalmente partire i lavori di pulizia. Ma qual è il problema? Dieci anni fa sono stati realizzati due sifoni, con il compito di dividere i rifiuti dall'acqua. Un sistema che funziona.

Il problema è che - ovviamente - i rifiuti "catturati" si accumulano. Secondo le disposizioni si dovrebbe pulire puntualmente ogni sei mesi. E invece l'ultimo intervento risale al 2008. Il risultato è che in quel punto del Lambro si accumulano rifiuti, cadaveri di animali, addirittura un bidone che porta la scritta "rifiuto tossico".

E visto che la situazione è quella che è, in molti ne approfittano - secondo i residenti - per utilizzare quella parte di Lambro come discarica. Materassi, frigorifero, letti, televisori, ecc. ecc. Una soluzione la propone Massimo Caiazzo, soprannominato dal Corriere 'la voce del quartiere': "Bisogna installare le telecamere come davanti alle banche".

  • shares
  • +1
  • Mail