Formigoni:"Spazzatura per salvare Malpensa"

Ecco, uno si distrae un attimo e si perde notizie come questa, e pensa di essersi svegliato in una dimensione parallela, nel futuro sbagliato di “Ritorno al Futuro II” in cui Biff apre il casinò e sposa Lorraine: Gianni De Gennaro, l’uomo forte che dovrebbe risolvere in quattro mesi (quattro mesi!) la monnezzopoli campana, chiama Formigoni.

Uno si immagina questa telefonata:«Senti Roberto, insomma…ci servirebbe che, va bè, hai capito». E l’altro, dopo che per giorni ha negato ogni appoggio, anche per smaltire un fazzoletto, un tappo di bottiglia, un oblò di lavatrice che sia uno, replica:«Al massimo settemila tonnellate ( settemila tonnellate! ) però bisogna riparlare della questione Malpensa».

Ovviamente poi Formigoni smentisce «Nessun do ut des!» per carità, nessuno l’ha pensato. Ci eravamo già occupati della vicenda con questo sondaggio, che aveva dato risultati inequivocabili: ora che l'emergenza spazzatura è stata sommersa mediaticamente da altro – dall’inchiesta sull’Udeur all'inaugurazione dell’anno accademico alla Sapienza – sembra che tutto si stia sistemando. Guardate qui, proprio tutto a posto.

Che dite? Giusto cedere sui rifiuti per “salvare” Malpensa?

  • shares
  • Mail
26 commenti Aggiorna
Ordina: