Milano, bulli anti-gay all'oratorio

Due giovani di 21 e 22 anni aggrediti, minacciati, picchiati da una banda di bulletti dai 15 ai 17 anni. Uno dei due presi di mira è balbuziente, l'altro è insultato perché omosessuale (vero o presunto). Il tutto è avvenuto a Milano, in zona Melchiorre Gioia, in un oratorio. Non solo: sembra che i religiosi che reggono la parrocchia, padre Giuseppe e padre Guglielmo sapessero dei fatti ma li giudicassero episodi casuali e saltuari non destinati a ripetersi.

In ogni caso, la vicenda si è risolta (ed è venuta alla luce) solo grazie all'intervento dei poliziotti, chiamati dal 21enne con un sms, di fronte all'ennesima aggressione. Per due volte la vittima è finita in ospedale per farsi medicare ferite e contusioni.

Omofobia, bullismo, disprezzo per chi è diverso o appare più debole e indifeso. Comportamenti ancora più gravi se avvengono in un luogo ritenuto di formazione e di educazione, come è o dovrebbe essere un oratorio.

  • shares
  • +1
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: