La busta paga dei consiglieri regionali: il M5S annuncia quanto sarà restituito

Per l'attività dal 17 marzo al 30 aprile ogni consigliere ha percepito 16.384,76 euro

Dopo un mese di attività è arrivato il primo stipendio per i consiglieri regionali della Lombardia.

Sono numeri che fanno girare la testa se si pensa a chi li percepiva fino a qualche mese fa senza presentarsi a tutte le sedute - se proprio vogliamo dirla tutta -: escludendo le indennità di funzione, per l'attività dal 17 marzo al 30 aprile, sono stati versati a ogni consigliere 16.384,76 euro. Trattandosi di un mese 'abbondante' la cifra netta che ogni consigliere prenderà nei prossimi mesi sarà di sicuro inferiore, ma è pur sempre una cifra molto alta.

L'ammontare dello 'stipendio' è stato reso noto dai consiglieri del M5S (nello specifico si tratta della busta paga di Stefano Buffagni), che hanno annunciato di voler trattenere soltanto 5.000 euro lordi mensili e i rimborsi per le spese effettivamente sostenute. Tutto il resto verrà destinato ad un fondo di sostegno per le piccole imprese della Lombardia.

Ci saranno altri consiglieri che seguiranno l'esempio, si chiede il M5S?

C'è da dire che l'iniziativa è lodevole, ma sul lungo periodo bisognerà vedere se sarà effettivamente sostenibile, al di là dei facili populismi.

Intanto nei giorni scorsi è stata formalizzata la richiesta ufficiale di 'restituzione', perchè non trattandosi di una prassi assodata i funzionari della Regione non hanno - a detta del M5S - ancora indicato il modo concreto per effettuare l'operazione, e quindi il fondo di sostegno non è ancora stato creato in maniera ufficiale. In attesa di ulteriori sviluppi i fondi rimarranno depositati in conti correnti di Banca Etica.

  • shares
  • +1
  • Mail