Il baseball sfrattato dal Kennedy per il calcetto dopo 44 anni

baseball_milanoLa squadra di baseball milanese del Milano Baseball 1946, che gioca nel campionato di A2, ha avuto lo scorso weekend una brutta sorpresa: sfrattati dal proprio impianto senza troppi convenevoli né comunicazioni ufficiali, la dirigenza ha scoperto che sul campo si stava giocando un torneo amatoriale di calcetto.

La squadra rossoblu di baseball ha giocato dal 1964 all'impianto Kennedy di via Olivieri, ma negli ultimi due anni i rapporti con il comune e l'Assessorato allo Sport per l'uso dell'impianto si sono fatti sempre più difficili.

Fino allo scorso sabato, quando, senza preavviso né spiegazioni particolari, la squadra è stata sfrattata dall'impianto per un'altra non ben definita manifestazione sportiva.

Il Milano Baseball 1946 ha comunque regolarmente giocato, spostandosi a Bollate ed evitando le sanzioni per aver saltato la partita, ed il Presidente Marco Giulianelli, sembra sempre più convinto di spostare la squadra fuori Milano.

Il caso del baseball non è isolato, perchè a quanto pare più o meno tutti gli sport "minori" devono fare i conti con il calcetto. I gestori dicono che affittare un campo sportivo per tornei di calcetto, anche amatoriali, è più redditizio che affittarlo a squadre sportive, seppur militanti in campionati nazionali. Gli atleti che utilizzano strutture che possono essere adibite al calcetto, quindi baseball, basket, pallavolo, pallamano, hockey inline e così via, dovranno perciò farsi da parte e sloggiare verso altre realtà.

Giusto o sbagliato pare che sia questa la direzione che lo sport sta prendendo a Milano così come in altre città, e non è poi così remota l'ipotesi che prima o poi diventi l'unico sport praticabile.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
15 commenti Aggiorna
Ordina: