Voci dall’Hinterland: Sesto e i graffiti, un esempio da imitare?

“Firme, sigle, insulti e scarabocchi via dai nostri muri!” questo è l’intento, forse un po’ pretenzioso, del progetto che l’Amministrazione di Sesto San Giovanni sta studiando. Il piano prevede una pulizia profonda di muri e pavimenti della città dalle scritte e dallo smog seguita da un’innovativo trattamento antigraffito.

Qualche giorno fa, infatti, una società di Torino, che già collabora col capoluogo piemontese, ha effettuato alcune prove di pulizia attorno al palazzo comunale, utilizzando un proprio brevetto, unico in Europa, che rende molto difficoltoso riscrivere sugli edifici trattati.

In sostanza questo particolare prodotto crea una invisibile e innocua patina protettiva che impedisce alle vernici di bombolette, pennarelli e allo smog di penetrare in profondità e permette dunque una più facile pulizia successiva.

Dice l’Assessore ai lavori pubblici Vincenzo Amato:

“La nostra intenzione è quella di formalizzare con loro un contratto di pulizia per alcuni edifici pubblici come il palazzo del Comune, il MIL, Spazioarte e Villa Mylius e, in futuro, estendere ai privati la possibilità di ricorrere in convenzione (e dunque a prezzi più bassi) al medesimo servizio”.

Allarme tra i writers dunque? Non esattamente, la politica del Comune è molto ferma solo nei confronti dei graffiti abusivi, quelle “tag” che imbrattano, è proprio il caso di dirlo, i muri e le saracinesche delle nostre città dando un’immagine di degrado.

Diverso il discorso invece per i murales, l’Amministrazione ha da tempo, infatti, preso numerosi accordi con i privati e molti muri della città, in particolare nei pressi delle aree industriali dismesse, sono pubblicamente adibiti ad accogliere le opere di chiunque voglia seriamente cimentarsi in questa arte (un esempio in questo video).

Non pensate che punire o scoraggiare chi viola le leggi concedendo però spazi dove chiunque possa esprimersi sia una politica che possa risolvere il problema meglio che la semplice repressione?

foto: flickr

  • shares
  • +1
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: