Piazza Duomo come San Pietro?

sgarbiNiente concerti né eventi sportivi; basta comizi e raduni. E soprattutto divieto assoluto per le feste di piazza (!). In Piazza Duomo non devono essere più autorizzate manifestazioni pagane.

Fa discutere la proposta dell'assessore alla Cultura Vittorio Sgarbi, che si è lanciato in una nuova crociata, non contento di essersi scontrato con la soprintendente di Brera per il Cristo morto del Mantegna. La sua idea è piuttosto netta: "Piazza Duomo - dice Sgarbi - deve essere come piazza San Pietro e, a meno che non si tratti di qualcosa che abbia a che fare con la tradizione religiosa, per esempio la musica sacra, nulla sara' piu' fatto lì".

Le prime obiezioni sono arrivate dalla stessa maggioranza di centrodestra a Palazzo Marino (per la De Albertis "il vero problema sono le bande di immigrati"), ma prima di inventare nuovi divieti, il Comune di Milano dovrebbe cominciare a gestire il patrimonio che c'è già e che è di sua competenza. I portici meridionali - quelli, per intenderci, dove aveva sede il Virgin megastore - sono abbandonati da almeno tre anni (da quando l'azienda chiuse senza avvisare i dipendenti) e sono diventati un ricettacolo di vagabondi e mendicanti.

Il Comune - che è il proprietario - aveva annunciato che presto quegli spazi sarebbero stati affittati. Per ora però non ne sappiamo niente; e il degrado non si ferma.

  • shares
  • Mail