Giuliano Ferrara, Eluana Englaro e la lettera di un padre disperato

ferrara acqua duomo

Ieri Giuliano Ferrara ha depositato la sua bottiglia d'acqua sul sagrato del Duomo. Ora sarà felice, e spero non si parli più di questa vicenda. Oppure che a parlare sia solo chi un minimo di cognizione di causa ce l'ha, come per esempio questo genitore di una ragazza nelle stesse condizioni di Eluana Englaro:

Ma facciamo silenzio! Per un momento fermiamoci, riflettiamo e: immaginiamo che gravissimi danni cerebrali, riportati a seguito di un forte trauma cranico, ci costringano a stare giorno e notte a letto oppure in una sedie a rotelle, senza avere la possibilità di vedere e di sentire le voci dei nostri cari e di cacciare via una mosca dal viso perché incapaci di muovere anche un dito, Immaginiamo di non riuscire a trattenere l’urina e le feci e di sentirci voltare e rivoltare da mani esperte sul letto ogni tre ore per il cambio del pannolone come quando eravamo bambini

Trovate la lettera aperta completa di questo genitore su RadioRtm.it, e quest'altra interessante testimonianza di Marina Garaventa sul sito de La Stampa.

Foto|Immaginifico, Flickr

  • shares
  • Mail
31 commenti Aggiorna
Ordina: