Il completamento del Passante Ferroviario di Milano è a rischio?

Poche settimane fa ci siamo rallegrati per l’inaugurazione della nuova stazione di Rogoredo . Quello che però è passato un po’ in sordina sono gli enormi ritardi che il “progetto passante” continua ad accusare: all’attestamento di alcune linee S a Rogoredo (invece che a P.ta Vittoria) non corrisponde ancora infatti il loro prolungamento verso sud in direzione di Pavia, Lodi e Melegnano.

Quando nel lontano 1982 si è cominciato a realizzare il Passante, l’obiettivo era la creazione di un Sistema Ferroviario Regionale che costituisse “una rete di linee metropolitane per la città della Lombardia”. A quell’epoca si pensava che tutto ciò potesse essere realizzato per i primi anni ’90, in coincidenza con l’apertura della linea 3 della metropolitana.

Le cose - inutile dirlo - non sono andate esattamente così, e le linee S sono state attivate solo nel 2004, e solo per alcune delle tratte previste. Le linee che avrebbero dovuto raggiungere Lecco, il Sud e l’Est milanese mancavano infatti ancora all’appello, anche se se ne annunciava il completamento per il 2008. Come mai allora la tormentata storia della realizzazione del Passante non vede ancora la fine?

La risposta è da cercare in alto: da un paio di anni a questa parte, il Gruppo FS sta attuando infatti una rigorosa politica di riequilibrio del bilancio. Lo Stato, da parte sua sostiene sulla base di una recente riforma che il suo compito si limita a finanziare i servizi esistenti, delegando il resto alle Regioni. La Regione Lombardia, infine, è riluttante a fare una scelta politica netta in favore del completamento del Passante, perchè questo significherebbe, in queste condizioni, un ingente impegno economico. Per dirla breve: nessuno vuole cacciare i soldi.
A questi problemi di finanziamento se ne aggiungono di tecnici: il costruttore Ansaldo-Breda è infatti in forte ritardo nelle consegne dei nuovi treni TSR e questo ha come diretta conseguenza ritardi nel potenziamento della linea verso Treviglio.

Le notizie più recenti sono ambigue: si prevede per il prossimo dicembre l’attivazione delle linee S per Treviglio e il contemporaneo potenziamento dei servizi di Bergamo, Brescia e Cremona, mentre l’apertura delle linee S a Lodi e Pavia dovrebbe arrivare non pima di giugno 2009. Sarà la volta buona? Se la domanda tormenta anche voi potete dare un’occhiata al sito di Giorgio Stagni, ricchissimo di informazioni sul Passante e sulle Ferrovie in genere.

  • shares
  • Mail