Demolito l'edificio occupato di via Morosini

Via Morosini

E' stato abbattuto ieri l'edificio di via Morosini - già più e più volte sgomberato in passato - in cui vivevano clandestini e senzatetto: i vigili hanno trovato comunque tutto deserto al loro arrivo. Al posto dello stabile-squat sorgerà un parcheggio interrato da 150 posti, ed un giardino pubblico per i residenti

Siamo a due passi dal centro - evidenzia il vice sindaco Riccardo De Corato - ed era ormai evidente che gli sgomberi non bastavano più. Nonostante catene e lucchetti, gli abusivi continuavano a entrare. Per questo motivo il Comune di Milano, anche attraverso l'azione del Comando dei Vigili di zona 4, ha fatto il possibile, nelle ultime settimane, per far sì che la demolizione non fosse ritardata ulteriormente

Su La Voce invece troviamo un'intervista a Marcel e Dimitri, due - oramai per forza di cose - ex inquilini che dello stabile...

Come vivete qui?
Marcel: "Non è male, io lavoro fuori milano ora, faccio carico e scarico merci. Guadagno poco ma il giusto per sopravvivere. Prima ho fatto un po' di tutto: il muratore, il lava piatti, l'elettricista"
Dimitri: "Io sto cercando lavoro, ma non lo trovo. Il fatto è che quando sanno che sono rumeno mi guardano male, ma io lavoro onestamente"
Che cosa pensate dei Rom?
Marcel: " Creano problemi anche a noi. Qui di fianco, in una delle altre stanza vivono dei Rom. Abbiamo spesso problemi con loro"
Dimitri: "Io vorrei che venisse la polizia e li portasse via tutti. Che tornino in Romania, o che vadano altrove, siamo noi che ci rimettiamo di più".
Che rapporto c'è con i residenti della zona?
M e D: "Buono, anzi, alcuni di loro ci portano coperte, materassi. A Natale e a Pasqua sono venuti anche a farci gli auguri e a portarci del cibo. Quando capiscono che non siamo qui per fare casino, ci aiutano"

C'è qualcuno di voi che abita in zona e ha voglia di raccontarci se la convivenza sia stata davvero così idilliaca?

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: