Il 6 settembre inaugura Cuore Nero

fascistiDopo l'inaugurazione dell'Auditorium intitolato a Massimo Morsello in piazza Aspromonte, arriva, come annunciato, l'inaugurazione di Cuore nero, il centro sociale di destra chiuso per incendio doloso un anno e mezzo fa.

Riapre proprio a due passi dalle ceneri del precedente centro, in via Pareto, a pochi passi dal cimitero Maggiore. Intanto la sinistra antagonista ha organizzato un corteo proprio il 6 settembre, una manifestazione pubblica di protesta contro quella che potrebbe portare ad una pericolosa deriva fascista. Alessandro Todisco (già condannato per istigazione all’odio razziale nell'ambito dello scioglimento a Milano di Azione skinhead e coinvolto in diverse aggressioni), portavoce del centro sociale, annuncia che non ci sarà nessun clamore per l'apertura, "nessuna conferenza" e sostiene inoltre "di voler appoggiare molte iniziative a favore del quartiere". Leggo questo interessante profilo di Todisco apparso il 12 aprile 2007 su Repubblica:

Ha 35 anni, la testa rasata, il corpo tappezzato da tatuaggi e una fama conquistata sugli spalti di San Siro come capo degli Irriducibili dell´Inter. Todo, da sempre legatissimo agli ambienti della destra oltranzista, è stato coinvolto nell´inchiesta giudiziaria che portò allo smantellamento di Azione skinhead, sulle cui ceneri sono nati gli Irriducibili. Da qualche anno ha aperto un negozio, gadget e abbigliamento a uso degli ultrà, proprio nella zona attorno al Monumentale, dandogli un nome molto politicamente scorretto, "Calci e pugni", a parodiare il "Baci e abbracci" di Vieri e Maldini...

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: