Omicidio Abdul, in carcere padre e figlio Cristofoli

abdul guibre Niente scarcerazione per Fausto e Daniele Cristofoli, padre e figlio che sono accusati di aver ucciso a sprangate il giovane Abdul Guibre domenica mattina. Il giudice per le indagini preliminari ha confermato per i due l'imputazione di omicidio volontario aggravato da futili motivi e ha deciso che per adesso padre e figlio resteranno in carcere, dal momento che la loro versione dei fatti non è credibile; non coincide, infatti, con le testimonianze raccolte dalle forze di polizia.

Niente aggravante a causa dell'odio razziale, per adesso; intanto la signora Cristofoli, moglie di Fausto e madre di Daniele, ha smentito di essere razzista dopo averlo rivendicato in un primo momento, subito dopo l'arresto dei due uomini. La famiglia di Abdul, da parte sua, preferisce evitare di esporsi per paura che lo loro parole siano travisate.

Il 19enne, originario del Burkina Faso, ma cittadino italiano è stato ucciso a colpi di bastone in testa dai due commercianti, che lo avevano visto rubare due pacchetti di biscotti e sospettavano che avesse preso anche l'incasso della notte

  • shares
  • Mail
22 commenti Aggiorna
Ordina: