Milano Expo 2015: i furbetti del quartierino



Oggi esordisco con la segnalazione di questo lungo articolo di Alberto Statera sull'Expo, la pioggia di miliardi e la lunga mano di Ligresti, finanziere pregiudicato, originario di Paternò, già amico di Craxi. Di lui ci siamo occupati abbondantemente in passato. Val bene ricordare i suoi nuovi agganci politici: Ignazio La Russa, il fratello Vincenzo e il figlio Geronimo, che siedono nel Consiglio della ligrestiana Premafin. Anche Berlusconi rischia d'imparentarsi con lui, dal momento che uno dei figli giovani è fidanzato con una nipotina Ligresti.

E poi c'è Matteo Cabassi, quinto figlio di Giuseppe, titolare di una parte dei terreni a destinazione agricola su cui sorgeranno le opere dell'Expo. E ancora Luigi Zunino, ras dell'Area Falk. Tutti lavorano con la "leva finanziaria", soldi delle banche. E l'articolista si pone una domanda ragionevole: cosa capiterà dei mille progetti cementizi già avviati o che stanno per partire? Dove porterà l'obbiettivo dell'assessore allo Sviluppo del territorio Carlo Masseroli di ingrandire Milano con 700 mila abitanti in più alzando gli indici di edificabilità?

"Vi immaginate le centinaia di migliaia di persone che dal 1974 hanno lasciato le cerchie cittadine per rifugiarsi nell'hinterland, che tornano come in un controesodo biblico perché Masseroli fa l'housing sociale a 2 o 3 mila euro al metro?". L'intervista a Francesca Zajczyk è rivelatrice.

Lungo articolo che si chiude con un dubbio che si insinua pericoloso: e se mancassero i soldi? E se poi l'Expo si rivelasse una bufala come fu Saragozza?

Tolti i 4,1 miliardi necessari per realizzare il sito fieristico, mancano quasi tre miliardi per le opere infrastrutturali essenziali (metropolitane, ferrovie, stazioni, raccordi, strade) e 6 miliardi per le infrastrutture "minori". Il sogno della Milano da mangiare, che rischia di infrangersi come la ricottina della pastorella, oltre a 65 mila nuovi posti di lavoro dal 2010 al 2015, vagheggia 29 milioni di visitatori, 160 mila al giorno per sei mesi, che porteranno un indotto di 44 miliardi di euro. Ma perché quasi trenta milioni di persone dovrebbero venire a Milano nell'estate 2015? Per vedere il grattacielo-banana? Per una mostra sull'alimentazione?".

  • shares
  • Mail
33 commenti Aggiorna
Ordina: