Caso Eluana Englaro: pronto il ricorso al Tar contro Formigoni

beppino englaro eluana fotoLa vicenda di Eluana Englaro, per quanto svoltasi lontano da Milano è finita inghiottita qui, da noi, nella metropoli. Chi si ricorda delle bottiglie d'acqua sul sagrato del Duomo di Ferrara, per esempio? O di Formigoni che nega un luogo dignitoso dove chiudere un'esistenza, costringendo un uomo, Beppino Englaro, che s'è già fatto più di tre lustri di purgatorio, ad altri mesi d'inferno?

Eluana sarebbe dovuta morire in Lombardia, fine, come indicato in una sentenza di Corte d'Appello, ignorata: sarebbe stato un bel progresso, come scrivevo qualche mese fa, per noi che ci riempiamo tanto la bocca con l'Expo, nutrire il pianeta, e slogan assortiti

Le sentenze dei tribunali danno ragione ai ricorsi per conto di Eluana. Ma la Regione Lombardia a settembre si è rifiutata di fornire un hospice: lo stesso governatore Roberto Formigoni ha spiegato i criteri politici, ma anche religiosi, di questa scelta, restando sordo a ogni obiezione

Non si può avere una morte dignitosa in Lombardia perchè abbiamo un governatore di Cl. E' la democrazia, non sarà piacevole, ma è così. Ora su Repubblica leggo che il ricorso al Tar contro Formigoni, ennesimo sforzo di Beppino Englaro, è pronto, e potrebbe essere questione di due settimane perchè venga discusso. Nel caso la clinica di Udine in cui forse si concluderà finalmente un'esistenza, rifiutasse il ricovero di una ragazza diventata donna: in diciassette anni vissuti da vegetale.

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: