La settimana della moda diventa culturale: parte il porgetto Montenapo



Se non hai l'invito non entri. Dalla sfilata al party il passo non è così semplice. Chi rimane fuori spesso si lamenta che dopo le passerelle non rimane nulla da fare. A venire incontro ai poveri addetti ai lavori annoiati da una settimana della moda imbolsita ci pensa l'Assessore Finazzer Flory per creare una sinergia di eventi che coinvolga il quadrilatero della moda, che effettivamente non brilla per vitalità. Da domani dunque parte il tandem: settimana della moda donna e progetto Montenapo, organizzato in collaborazione con l'Associazione di via Montenapoleone a tempo di record. Massimiliano Finazzer Flory è promotore e regista dell'iniziativa.

Un viaggio nel Quadrilatero della moda, visto con altri occhi, con uno sguardo nuovo, estetico innanzitutto e culturale. Con questo progetto Montenapoleone non sarà più solo sinonimo di griffe. Angoli dimenticati nel cuore della città come la chiesa di San Francesco da Paola e il caffè Cova, il museo Bagatti Valsecchi, fresco di restauro o la Sala Garzanti con il mosaico di Pericoli tornano alla ribalta. Vogliamo offrire eventi e momenti culturali a tutta la cittadinanza, per invitare i milanesi nei luoghi che hanno dimenticato o che non conoscono. Quanti sanno che in via Montenapoleone c’è la casa di Cattaneo? E che nella stessa via abitò anche Carlo Porta?

Ma veniamo agli appuntamenti. Domani si aprono le danze con un'esposizione di moto e auto d’epoca del Club Milanese Autoveicoli d’Epoca. Seguirà alla sala Garzanti di via della Spiga una conferenza su "Moda e futurismo". Giovedì nello scenario della chiesa di San Francesco da Paola si terrà un concerto delle fisarmoniche in quintetto. Venerdì sera l'appuntamento forse più stuzzicante: l’apertura straordinaria del Museo Bagatti Valsecchi che offre la possibilità di una visita guidata intervallata da cori futuristi della Scuola d’arte drammatica Paolo Grassi. Si chiude martedì con la conferenza "Milano... che cos’è la bellezza?".

In pratica un assaggio, dice Flory, di quello che verrà a settembre (per l'altra settimana della moda) con visite guidate alla casa del Manzoni, con un percorso “che ricalchi le orme dello scrittore”. Si inaugurerà poi la collaborazione con il premio Bagutta, storico premio letterario del ristorante di Via Bagutta 14. Pace fatta anche con gli stilisti: si organizzeranno piccoli eventi nelle loro boutique.

Foto di Darkensiva, Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: