Censimento del Fai "I luoghi del cuore": Milano al secondo posto con la libreria Bocca, al 46° con i graffiti, al 50°...

Sono oltre 110.000 gli italiani che hanno partecipato alla quarta edizione de "I luoghi del cuore", il censimento del FAI dove gli utenti segnalavano ciò che rovina i posti più amati in Italia. Milano è sul podio. Al secondo posto per numero di segnalazioni si piazza la Libreria Bocca in Galleria Vittorio Emanuele. 5.258 utenti chiedono che non chiuda, dato che il Comune vorrebbe più che raddoppiare il canone d’affitto attuale, circostanza che costringerebbe la libreria al trasloco. Vi riproponiamo l'intervista al giovane Bocca di Gabriele fatta tempo fa.

Per dovere di cronaca segnaliamo il primo posto: con 7052 voti vince il castello della Colombaia a Trapani i cui lavori di recupero si protraggono da tempo immemori. Ma la Libreria Bocca non è l'unica nefasta segnalazione che riguarda la nostra città. Milano si piazza anche al 46° posto: con 287 voti gli utenti del sondaggio segnalano il problema dei "graffiti". Al 50° posto si piazza la cementificazione del parco delle Cave e al 71°, con 154 voti, si denuncia il degrado della Scuola Rinnovata Pizzigoni (Scuola Speciale ad indirizzo didattico differenziato secondo il metodo Pizzigoni). Ma la triste classifica continua impietosa. Al 74° posto si piazza il problema dei rifiuti all'abbazia di Chiaravalle con 144 voti. E ancora, al 77°, il degrado di Porta Ticinese. Infine, (meno male mi stavo spazientendo), al 94° posto si piazza il parco Trotter e la sua Casa del Sole.. Indovinate per cosa.

In totale 7 segnalazioni. Giusto per fare un paragone Roma si piazza dietro Milano con 6 segnalazioni (in comune abbiamo i graffiti). Milano vince per segnalazioni negative, piazzandosi davanti a città come Taranto e Napoli (con 4 segnalazioni).

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: