Sondaggio: l'enigma del futuro di Paolo Sarpi, voi come la vorreste?

La telenovela di via Paolo Sarpi ha ogni giorno una nuova puntata: dopo l'incontro dell'altroieri con assessori, commercianti e rappresentanti della comunità cinese il vicesindaco Riccardo De Corato ha infatti dichiarato che si andrà avanti con la pedonalizzazione (con inizio lavori in autunno), nonostante il parere contrario dell'Associazione Liberi Esercenti Sarpi (ALES) e - ma forse era scontato - dei grossisti cinesi.

Sul fronte grossisti ci sono inoltre alcune novità che rischiano di turbare i sonni del vicesindaco: sembra infatti che molti di loro si stiano trasferendo nelle zone limitrofe a via Sarpi (via Messina, piazza Baiamonti, via Mondello), scatenando nuove proteste da parte dei residenti. De Corato ha promesso un'intensificazione dei controlli da parte della polizia locale e non ha escluso che in futuro la pedonalizzazione venga estesa. Come dire: siamo punto e a capo.

Sembra peraltro che i cinesi non intendano affatto abbandonare il loro angolo di Milano: secondo il rappresentante della comunità infatti la maggior parte dei grossisti pensa di restare, convertendo la propria attività in vendita al dettaglio. Uno smacco per il comune che - più o meno esplicitamente - aveva posto come obiettivo dell'intera operazione proprio la "cacciata dei cinesi".

In mezzo a questo turbine di avvenimenti, abbiamo deciso di chiedere a voi, per una volta, un'opinione: come sarebbe la via Paolo Sarpi dei vostri sogni?

  • shares
  • +1
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: