Exposed: Milano, l'Expo e le foto della città che cambia

Un sito archivio per documentare le trasformazione di Milano sotto i colpi dell'esposizione universale. E non solo.

L'Expo che verrà ha trasformato Milano in un cantiere a cielo aperto. Nell'attesa che tutte queste trasformazioni passino (se mai passeranno) da rendering a realtà, qualcuno ha ben pensato di creare un archivio online della città che cambia sotto i colpi della cementificazione, dell'urbanizzazione, delle grandi opere. Ma tenendo d'occhio anche fenomeni più difficili da immortalare, come la gentrificazione e la 'ndrangheta.

Un "progetto di ricerca, studio e documentazione sui mutamenti urbani e sociali collegati all’Esposizione Universale del 2015 a Milano" che si chiama Exposed, viene presentato questo pomeriggio alla Fabbrica del Vapore e che subito dopo andrà online con una raccolta di foto dei sopralluoghi ed esplorazioni nei vari luoghi della città interessati dai cambiamenti.

Ma Exposed non si ferma a questo, nelle intenzioni dei suoi creatori dovrà diventare un sito-archivio aggiornato costantemente che raccoglierà e pubblicherà soprattutto lavori visuali: progetti fotografici e video, performance e installazioni, mappature urbane e ricerche. Il tutto unendo diversi tipi di professionalità, di stili e di strumenti di ricerca.

Per il momento un assaggio si può avere dalla pagina di Facebook, in attesa che i primi lavori vengano pubblicato sul sito. I presupposti perché diventi qualcosa di grosso ci sono tutti, considerando che tra i nomi in ballo - in quello che è comunque un progetto indipendente e autoprodotto - ci sono quelli di Careof DOCVA, organizzazione non profit per l’arte contemporanea, il Master in Photography and Visual Design di Forma Fondazione per la Fotografia e NABA.

  • shares
  • +1
  • Mail