City Sound può alzare i volumi dei concerti: il provvedimento a scoppio ritardato del Comune

Qualche settimana fa la polemica sui decibel e sulle mancate deroghe per alcuni eventi

Adesso che i concerti più 'rumorosi' sono passati - leggi Iggy Pop, o gli Skunk Anansie - e la rassegna sta per finire, all'Ippodromo del Galoppo si potrà alzare il volume.

Alfa Romeo City Sound 2013 ha ancora in serbo infatti i concerti di Davide Van De Sfroos (20 luglio), Deep Purple (21 luglio), Heart Wind & Fire (23 luglio) e Carlos Santana (26 luglio).

Questi live, come deciso dal Comune, ora potranno svolgersi a 78 dB con termine alle 23.45, anziché a 75 dB con termine alle 24.00 (o l'1 di notte per il concerto del 26 luglio) come previsto dalle norme approvate dalla Giunta lo scorso 24 maggio.

L'assessore al Commercio, Attività produttive, Turismo Franco D’Alfonso ha detto:


"Queste misure garantiscono lo svolgimento ottimale di un festival entrato ormai di diritto tra gli appuntamenti musicali della città, come testimonia il successo di pubblico riscontrato nelle precedenti edizioni all’Arena e che oggi rappresenta un evento significativo della stagione estiva milanese. Con questo provvedimento l’Amministrazione comunale conferma l’attenzione per tutte quelle manifestazioni che consolidano la presenza della nostra città nel circuito dei grandi eventi a beneficio di milanesi e turisti"


Come mai il Comune si è deciso proprio adesso?

Eppure qualche settimana fa il video-appello di Lorenzo Jovanotti (che non rientrava nella cerchia degli 'eletti' Bruce Springsteen e Depeche Mode) per avere '10 decibel in più' era totalmente caduto nel vuoto

Ma, se vogliamo restare confinati soltanto nell'ambito di City Sound, il 28 luglio saliranno sul palco i Blur, e non sono pervenute notizie su eventuali deroghe anche per la band di Damon Albarn.

Il britpop non piace a Palazzo Marino?

  • shares
  • +1
  • Mail