Massacrata dalle zanzare scrive indignata al Sindaco: "le Bat Box sono inutili"

Costanza Barbera, cittadina milanese, dopo essere stata massacrata dalle zanzare scrive al sindaco Giuliano Pisapia su Facebook


Cartoline da Porta Venezia: due piedi martoriati dalle temibili e assettate zanzare meneghine. Una specie che quest'anno pare particolarmente agguerrita e contro al quale c'è poco da fare (Autan e zampironi spesso sono palliativi). Come ha testimoniato Costanza Barbera, cittadina milanese, che ha deciso, dopo la terribile esperienza, di scrivere al sindaco Giuliano Pisapia su Facebook. Il disappunto:

Le inoltro, con un certo imbarazzo ma serio disappunto, tre immagini dei miei piedi (le risparmio il resto del corpo) in seguito a un’oretta circa (dalle 21 alle 22.30) trascorsa con amici in Porta Venezia nella nostra amata città. A seguito dell’attenta lettura del sito del Comune ("Aiutiamoci a prevenire: Le Zanzare, Campagna di sorveglianza e lotta contro le zanzare, Cento nuove Bat Box ecc.") pur nella consapevolezza che la questione non sia di facile soluzione, vorrei condividere con lei un pensiero: l’idea di affrontare il problema zanzare proseguendo giustamente con entusiasmo il "Progetto Chirotteri (Bat Box)" mi sembra un’idea a oggi un po’ primitiva, certo affascinante, ma non sufficientemente efficace se non seriamente affiancata da provvedimenti più mirati.

La cittadina infastidita mette alla berlina le Bat box le casette destinate agli amici pipistrelli che contrasterebbero in maniera efficace le zanzare cibandosene in quantità. Come spiegò ai tempi l'assessore Maran: "Nella lotta alle zanzare i pipistrelli giocano come alleati, affiancati chiaramente alla tradizionale disinfestazione in tutta la città. È per questo che abbiamo scelto di intraprendere questa strada, per una lotta bio-integrata alle zanzare, che rispetti l’ambiente e che sia al contempo efficace per garantire un buon risultato ai cittadini". A fine aprile, a meno di un anno dalla posa delle prime circa 400 Bat Box nei parchi della città, il monitoraggio diede un riscontro importante: "il 4% di visite di pipistrelli nei rifugi posati nei parchi della città". In sintesi solo 4 bat box su 100 ospitano dei pipistrelli.

Bene rammentare che il progetto bat box è un esperimento non risolutivo, che si è affiancato ala normale disinfestazione, peraltro intensificata. Nonostante questo vincere la battaglia contro le zanzare è come conquistare la Cina a Risiko con 4 carrarmatini. Detto questo, la lettera al Sindaco di Costanza continua:

"come le immagini le mostrano chiaramente sono portata a credere che le misure adottate, dal sito definite tradizionali, siano al momento risultate fallimentari o quanto meno inadeguate. Trovo che la “Sua” politica in materia, tra cui la tutela dell’ambiente, nobile e doverosa e da me pienamente condivisa, sia purtroppo oltre che scarsamente risolutiva, altamente crudele nei confronti dei cittadini. Trovo altresì sorprendente che una città come Milano non riesca ad affrontare il problema adeguatamente, trasformandosi d’estate in una palude più pericolosa delle foreste australiane sul finire della stagione delle piogge, da me visitate, mutamento questo che non solo nuoce ai cittadini, ma non giova di certo all’immagine della città.

foto | facebook

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: