Nuova Oca: "a ottobre il bando per la riqualificazione" e a gennaio si riparte

Un nuovo bando ad ottobre permetterà di riprire a gennaio in una versione ampliata e più ricca


L'Oca è stata un'idea del fu Assessore Boeri. Uno spazio che puntava alla valorizzazione di un'area dismessa, in un punto strategico della città, attraverso idee e iniziative artistiche e creative.

Conclusa la fase di sperimentazione in molti avevano temuto che l'esperimento fosse terminato per disinteresse del Comune. Paura motivata dalla mancata pubblicazione del nuovo bando, letta come la volontà di chiudere una pagina tutto sommato positiva.

Ieri a far tirare un sospiro di sollievo arriva la precisazione dell’assessore al Lavoro Cristina Tajani che dopo le dimissioni di Stefano Boeri si occupa dell’Oca:

Non ci siamo dimenticati del bando. Stiamo semplicemente aspettando che si chiudano i lavori del cantiere che dureranno fino a ottobre. A quel punto l’Oca avrà a disposizione non solo il pianterreno e il primo piano, ma anche il secondo e il terzo. Ossia tutto l’Ex Ansaldo.

La Nuova Oca riaprirà a gennaio in una versione riveduta e ampliata, grazie allo spazio maggiore che permetterà di moltiplicare il numero di attività. Più spazio per mostre, esposizioni, laboratori, botteghe artigianali e ovviamente la musica dal vivo. All'aspetto di aggregazione culturale si aggiungerà quello di incubatore di imprese creative. A ottobre dunque il nuovo bando che avrà un taglio maggiorente includente.

Foto by Facebook

  • shares
  • +1
  • Mail