Allarme bomba al consolato Usa di Milano: emergenza cessata

Si tratterebbe di un falso allarme. Chiuse le uscite della metropolitana e le strade adiacenti.

19.13. Emergenza cessata per l'allarme bomba al consolato di Milano. Gli artificieri, giunti sul luogo, non hanno trovato tracce di esplosivi. Il personale diplomatico è potuto rientrare in sede, così come i dipendenti di Radio MonteCarlo. Viene comunque confermata la voce di una lettera che preannunciava una bomba, mentre ancora non ci sono conferme sull'effettivo ritrovo di un bagaglio abbandonato.

Allarme bomba al consolato Usa di Milano

È già stato derubricato a "falso", l'allarme bomba al consolato di Milano scattato questo pomeriggio attorno alle 17.30. Si tratta dell'edificio di via Principe Amedeo (zona Turati). Un bagaglio sospetto è stato sufficiente a far scattare le precauzioni, visto l'allarme generale in corso che riguarda gli edifici diplomatici degli Stati Uniti in giro per il mondo.

Evacuata la sede così come quella di Radio Montecarlo, che si trova nello stesso edificio, chiuse le uscite della metropolitana e le strade vicine dell'edificio, mentre sul posto sono arrivati immediatamente polizia e artificieri.

È da sabato scorso che Washington è in "allerta terrorismo", tanto che fino al prossimo sabato resteranno chiuse una ventina fra ambasciate e consolate, nei paese islamici. Poche ore fa, proprio il ministro degli Esteri Bonino aveva parlato di "minacce consistenti di una ripresa terroristica".

A quanto pare non è questo il caso, anche se si dice che al Consolato sarebbe anche arrivata una lettera che faceva riferimento a un ordigno.

  • shares
  • +1
  • Mail