Guerra al kebab: in via Borsieri manifestazione contro la legge regionale

Guerra al Kebab: manifestazione in via Borsieri

Eccovi qualche immagine della manifestazione in via Borsieri contro la legge regionale anti-kebab: c'erano Andrea Vanzago, Maurizio Baruffi, Pippo "l'Obama di San Fruttuoso" Civati, e Pierfrancesco Majorino. E anche Luca Sofri. Ho fatto qualche domanda a Baruffi e a Sofri, trovate tutto dopo il salto.

Maurizio, si può dire che è una legge ridicola?

Il ridicolo è che un cittadino italiano che va a mangiare un gelato italiano in una gelateria italiana non può mangiarlo fuori dal negozio, può mangiarlo solo fino all'una di notte. Il problema è: mettiamoci d'accordo tra quelli che hanno voglia di mangiare il gelato e quelli che vogliono riposare. Questa è una legge fatta per colpire i kebab, è chiaro, ma siamo in Europa...

Guerra al Kebab: manifestazione in via Borsieri
Guerra al Kebab: manifestazione in via Borsieri
Guerra al Kebab: manifestazione in via Borsieri
Guerra al Kebab: manifestazione in via Borsieri
Guerra al Kebab: manifestazione in via Borsieri

In un momento di crisi come questo poi, colpire le attività artigianali non è proprio una genialata

Nel furore ideologico hanno colpito tutte le imprese artigianali, è una cosa folle. Le imprese artigianali vuol dire le gelaterie artigianali, le pizzerie artigianali, le piadinerie, i venditori di kebab. Noi chiediamo che questa legge venga cambiata, nel senso che si possa contiuare a fare le cose come prima, ma con una nuova regolamentazione.

Un mezzo autogol per la maggioranza?
Il centrodestra si è accorto di aver fatto una stupidata colossale, dice che la legge non è quello che pensiamo noi, benissimo, se così non è, il centrodestra cambi la legge siamo disponibili a lavorare in questa dichiarazione.
Appena capiranno l'esatta portata delle legge credo che ci sarà una protesta.

Poi abbiamo fatto quattro parole anche con Luca Sofri:

Tu come la vedi la questione della legge anti-kebab?

Non c'entrano niente neanche quelli che producono il kebab, io la vedo, diciamo, come un delirio, una norma inattuabile, incomprensibile, incomprensibile ai suoi stessi propositori. Che in questi giorni sono stati interrogati, e non sanno spiegare se si può mangiare un cono gelato sul marciapiede, se ti devi spostare un pò fuori, un pò dentro, nel negozio... è banalmente una roba da ubriachi... siccome la legislazione in Italia è fatta da ubriachi, in questo paese al di là del merito della questione mi interessava anche partecipare a una scampagnata di protesta contro la legislazione da ubriachi!

Questa legge è arrivata in un momento in cui si cerca di normalizzare la città. Hanno deciso di uccidere Milano?
Non so se sono il più indicato a parlare di queste cose... ho 44 anni e faccio una scarsa vita notturna e sociale, non penso siano quelli i problemi, non penso le transenne del Mom siano questo problema. Il problema della vita sociale milanese è che è stata ammazzata in un moltissimi altri ambiti, e da tempo. Anzi trovo assai più appassionata l'amministrazione comunale a impedire di bere delle cose la notte piuttosto che a fare qualcosa di questa città, che ormai è piuttosto da buttare via...

  • shares
  • Mail
16 commenti Aggiorna
Ordina: