Arriva l'influenza Victoria, colpirà 700mila lombardi

Quella di quest'anno viene dall'Australia. Sono in arrivo oltre 200mila vaccini che potranno essere somministrati anche dai medici di famiglia

E' in arrivo dall'Australia l'influenza "Victoria" che, nelle prossime settimane, costringerà a letto 700mila lombardi. La prima ondata del virus è dovuta all'alternanza caldo-freddo, come spiegano i virologi.
Le Asl stanno mettendo a punto le campagne di vaccinazione mentre, in queste ore, si stimano già 5000 milanesi e 10mila lombardi contagiati dal virus.

Dopo il caos dello scorso anno con il calo del 15% nella campagna di vaccini, causata dal blocco dei sieri antinfluenzali della Novartis, il Ministro della Sanità punta a coprire almeno il 75% dei soggetti a rischio, anche se l'obiettivo dichiarato è di raggiungere addirittura quota 95%.

Sono 200mila le dosi di vaccini in arrivo nella sede centrale dell'Asl di Corso Italia a Milano: per giovedì prossimo è previsto un tavolo tra l'azienda sanitaria e i sindacati, per permettere ai medici di famiglia di somministrare i farmaci all'interno dei loro studi, in modo da evitare lunghe code all'interno degli ambulatori.

A Milano sono 750 i medici di famiglia che hanno dato la loro disponibilità per aderire all'iniziativa. Per loro è previsto un rimborso di sei euro a vaccino, un contributo che in diverse altre province lombarde è caduto sotto la scure della spending review governativa e regionale.

L'adesione alla campagna impone ai medici di dotarsi di apparecchi per la rianimazione da utilizzare in caso di reazione allergica: per questo il 30% rinuncia.
Tra qualche giorno si capirà se Milano potrà continuare ad offrire questo importante servizio ai suoi cittadini.

  • shares
  • +1
  • Mail