Notizie inutili: la testimonianza di Susy, "la truzza"

Ecco un importante documento socio-culturale che farà la felicità di quanti hanno a cuore i movimenti giovanili e passano il tempo a catalogarli. Susy, adolescente milanese, spiega al popolo della rete la sua ragion d'essere truzza.

Così dopo aver scandagliato i torbidi fondali degli emo è la volta di analizzare il mondo truzzo. Ai miei tempi essere truzzi (o zarri) era un dispregiativo, un'etichetta che veniva affibbiata ai ragazzi che vestivano con il bomber, impennavano con il booster e ascoltavano musica techno.

Ora, pare invece che il truzzo sia orgoglioso della propria appartenenza. Susy ci spiega (con il messenger aperto) come si diventa una vera truzza. In primis ascoltando "Tunz, tunz, tunz", portando vestiti griffati (la mutanda di D&G, un must), indossando la collana di perle (fondamentale), parlando con la bocca chiusa, truccandosi come gli emo (ma non erano contro?). Confusa si chiede perchè la etichettano come poser solo perchè "ama farsi fotografare dall'alto o con la mano sulla bocca". La chiusa è da manuale "P Gold nel cuore e house forever, ma forever".

Se volete un'analisi approfondita della sottocultura truzza vi rimandiamo a questa pagina che analizza le quattro fasi del truzzo, una carriera che inizia con le gare di sputo e finisce (amaramente) con l'ambizione del tronista.

C'è da scommettere che la testimonianza di Susy avrà un effetto virale ed emulativo devastante.

  • shares
  • +1
  • Mail
35 commenti Aggiorna
Ordina: