Consegnati i riconoscimenti per il concorso App4Mi che premia le migliori App

Premiate le migliori applicazioni capaci di sfruttare gli open data di Milano. Tra le categorie, turismo, mobilità, sport, risparmio energetico.

Si è concluso App4Mi, il concorso che premia le migliori «app» della città, promosso dal Comune di Milano insieme con Rcs Mediagroup e Digitalmagics con lo scopo di creare nuovi posti di lavoro e far emergere talenti. Una giuria ha selezionato le dieci applicazioni più interessanti e originali delle 64 che hanno utilizzato gli Open Data messi a disposizione dall’Amministrazione milanese attraverso una pagina web dedicata in cui è stata pubblicata una mole gigante di dati su anagrafe, urbanistica, mobilità, popolazione, traffico, economia, ecc.

Tempo libero, salute, mobilità, risparmio energetico, tra i temi portanti di questo concorso molto speciale, che ha utilizzato gli open data di una grande città per creare applicazioni pensate nell’ottica di Expo 2015. Un montepremi totale di 20.000 euro e un riconoscimento che servirà ai giovani sviluppatori per entrare nel mondo del lavoro dalla porta principale.

Per le migliori app in assoluto la prima classificata è Quolimi, pensata e realizzata da Luca Campanini, Andrea Clerici, Gianfranco Netti e Claudio Rava. La app fornisce una valutazione sintetica della vivibilità di un indirizzo di Milano aggregando molti dataset di natura diversa con una grafica semplice e chiara.

La seconda classificata è MiraMi, che permette di scoprire i punti di attrazione più vicini e suggerisce i luoghi di interesse puntando semplicemente lo smartphone. È stata ideata da Nazzareno Cantalamessa che si è aggiudicato quattromila euro.

Terza classificata è Milano.Life che mostra i luoghi di interesse e spiega come raggiungerli, utile sia per i turisti che per gli abitanti di Milano.

La app più votata sul sito www.app4mi.it è BiciMI4Social, un'applicazionè dedicata alla gestione della mobilità in bicicletta attraverso il bike sharing pensata in modo social con la possibilità di creare e condividere percorsi e di segnalare eventuali problemi sul percorso.

Poi ci sono le vincitrici per categoria. Le startup (alcune già esistenti, altre potenziali) state scelte e premiate da una giuria composta da personalità di spicco del mondo dell’innovazione digitale: 6 applicazioni tematiche e 3 considerate le migliori in assoluto.

Turismo e tempo libero con Milano.Life, per la sezione Cultura: That’s app. Indica con grafica accattivante gli eventi d’arte contemporanea, attuali e futuri, corredando le informazioni con schede informative dettagliate e immagini.

Mobilità, traffico e trasporti: Milano Easy Parking. Un’app che permette di parcheggiare più agevolmente a Milano e ricorda al conducente zona di parcheggio dell’auto e quando scade il permesso per la sosta. È stata ideata da Dario Costa e Fabrizio Galeazzi.

Green: Ecomilano. Pensata con una logica semplice e intuitiva evidenzia i servizi ecologici e sfrutta la realtà aumentata. È stata ideata da Angelo Gallarello.
Sociale e Sanitaria: Dove si butta, permette di costruire un database geolocalizzato per la raccolta differenziata, diffonde notizie e stimola la comunità a dare il proprio contributo. Ideata da Giovanni Maggini.

Disabilità: Milano4All. Permette di verificare l’accessibilità dei luoghi pubblici attorno all’utente, grazie al gps dello smartphone, selezionando il tipo di disabilità. Le caratteristiche e i commenti dell’esperienza del disabile sono condivise sui social. Ideata da Andrea Gerino.

  • shares
  • +1
  • Mail