Arrivano le isole digitali in città

Totem interattivi che permettono di accedere ai servizi di informazione e di accoglienza virtuale. In vista dell'Expo il Comune di Milano apre le "isole digitali"

Milano è sempre più smart city, con le isole digitali per muoversi, comunicare, informarsi in modo facile e sostenibile. Palazzo Marino, in collaborazione con alcune aziende quali A2A, Ducati Energia, Microsoft, Telecom Italia e Linear, offre a cittadini e turisti spazi all'aperto ipertecnologici, con connessione gratuita per wifi, ricariche per dispositivi elettronici e un totem touch screen di ultima generazione per conoscere tutto ciò che accade in città, in italiano e in inglese.

Accanto alle panchine, illuminate da un led a risparmio energetico e sorvegliate da una telecamera di sicurezza, anche una stazione di quadricicli elettrici biposto, per muoversi in città al costo di 13 centesimi di euro al minuto. L'iscrizione è gratuita fino a fine novembre: si chiama eqsharing, 60 mezzi disponibili già entro il 21 ottobre e diventeranno 120 a febbraio e raddoppieranno una volta a regime, nel febbraio 2014. Saranno in tutto 30 le isole digitali operative, oggi ne sono in funzione già nove.

Le Isole hanno un sistema di illuminazione intelligente a led che varia l'intensità a seconda del numero delle persone presenti, garantendo risparmio energetico e tutela dell’ambiente. Per A2A inoltre il progetto si integra con E-moving, il piano con cui si è dotata la città di Milano di una infrastruttura di ricarica intelligente per i veicoli elettrici.
Oggi Milano può vantare oltre 200 punti di ricarica per veicoli, quadricicli e biciclette elettriche.

Una rivoluzione hitech che fa di Milano una delle metropoli più intelligenti e digitalizzate d'Europa: un progetto del valore di quattro milioni di euro coperti da sponsor e da un bando regionale nell'ambito del Programma Europeo di sviluppo digitale (POR).

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: