Liceo Berchet, appello dei professori a Maria Chiara Carrozza: "Salvi il liceo classico"

Sotto accusa, anche in questo caso, la riforma Gelmini

Appello per salvare il liceo classico e la cultura umanistica in generale, "in crisi profonda". Dopo la polemica esplosa qualche mese fai sui tagli alle ore di Storia dell'Arte, stavolta finiscono nel mirino le ore di latino e di italiano, tagliate e ridotte (sempre) nella riforma Gelmini.

Nel caso della lingua di Cicerone, le ore di insegnamento sono state ridotte allo scientifico e al linguistico, mentre quelle di italiano, ma anche quelle di geografia, sono state tagliate in tutti i licei.

Capofila della protesta il liceo classico Berchet, che ha diffuso un appello firmato da 42 docenti, su 61, rivolto al ministro dell’Istruzione Maria Chiara Carrozza. Eccone uno stralcio, riportato dal Corriere:

"L'attuale sistema garantisce soltanto meno ore di docenza, ma non è chiaro il progetto didattico. Il liceo classico così è snaturato. Con la nuova organizzazione è impossibile garantire la continuità didattica, che era una prerogativa di queste scuole. L’insegnamento delle materie umanistiche letterarie è stato parcellizzato"

Questo perchè se prima latino e greco venivano insegnati dallo stesso docente, ora ce ne sono ben quattro (italiano, latino, greco e geostoria), e si parla di "dispersione di energie".

Se quindi già una volta era difficile concludere il programma, ora lo è molto di più:

"Così è difficile raggiungere gli standard richiesti, il rischio è che i programmi vengano svolti soltanto sulla carta. Poi succede che all’esame di maturità esce un brano di Magris e tanti non ci sono arrivati perché l’analisi del testo ha poco spazio, c’è da fare letteratura. Il sistema scolastico dei licei, con l’intervento della Gelmini, è crollato"
  • shares
  • +1
  • Mail