Hackmeeting, 2009: i pirati informatici si incontrano a Milano

hacker

Secondo la definizione di Wikipedia l'hacker "è una persona che si impegna nell'affrontare sfide intellettuali per aggirare o superare creativamente le limitazioni che gli vengono imposte". Tra gli illustri hacker Ken Thompson e Dennis Ritchie autori del sistema operativo Unix. Molti sono corteggiati dalle grandi aziende per potenziare i loro sistemi informatici, come illustra chiaramente la storia di Raoul Chiesa, pioniere degli hacker, oggi protagonista della lotta al cyber crime.

Premessa che non può servire a far capire la grandezza di un movimento globale. Profili eterogenei accomunati, in occasione dell'Hackmeeting, da un denominatore chiaro e forte: la filosofia della rete come comunità senza divieti, il libero scambio di contenuti digitali (Scaricare gratis è giusto), la condivisione dei saperi orizzontale, l'informazione senza filtri né barriere, l'opposizione alle logiche securitarie e a chi muove guerra all'anonimato online.

Comunque quest'anno l'appuntamento è all'ex Fornace di Rho, centro sociale di recente ri-occupazione, a due passi dall'area dove sorgerà la 'città vetrina prevista' per l'Expo 2015 di Milano. Da venerdì 19 a domenica 21 giugno, si terrà l’incontro delle comunità e delle controculture digitali di tutta Italia. Tre giorni di Hackmeeting, con seminari e incontri auto-organizzati, workshop, corsi di Linux e lezioni di tecnologia, dibattiti sui temi delle libertà digitali, del peer 2 peer, della privacy, del software libero, del controllo sociale, delle open economies, dell’uso sociale e politico delle nuove tecnologie.

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: