Notizie inutili: A Milano parte Spystory, lo streetgame ad eliminazione



Se per le vie della città notate loschi figuri che si aggirano con un fucile ad acqua non abbiate paura, si tratta solo di un gioco di ruolo, o streetwar, per dirla all'americana. Un’avventura nata a Torino (alla terza edizione) ed esportata in altre 9 città, tra cui Milano, da un'idea di due esperti di marketing che si sono ispirati a un vecchio film italiano di Elio Petri, "La decima vittima»", con Marcello Mastroianni.

Funziona così: una volta iscritto e pagata la quota associativa (40 euro), si riceve a casa un kit con pistola, identikit e bersaglio. In pratica ogni contendente ha in sorte una “preda” che deve “eliminare” per prenderne il posto e dare la caccia a quella che lui stava braccando. Una missione da compiere da solo o in squadra. La persona colpito consegnerà il dossier in suo possesso ed il suo obiettivo diverrà la nuova preda. Eliminazione dopo eliminazione ne rimarrà solo uno.

Sarai in gioco 24/24, mentre vai a lavoro, quando esci con gli amici, mentre vai a fare la spesa… sarai sempre un possibile bersaglio. Una delle regole di questo gioco è che non puoi stare fermo per più di 24 ore, perché se no sarebbe troppo facile. Uno sa che devono colpirlo, si nasconde per tutto il tempo che vuole in casa ed esce solo per colpire lui. La controindicazione è che se uno trova dove abiti, si apposta lì fuori e ti aspetta. Prima o poi sarai obbligato a uscire

A Torino pare si stato un successo, specie tra i rampolli della Torino bene, sempre in cerca di nuove emozioni. Voi che dite? Funzionerà anche a Milano?

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: