Revocato lo sciopero Atm: c'è la nazionale

A San Siro c'è la sfida tra Italia e Germania. Per evitare gli inevitabili gravi disagi per i tifosi che si recheranno allo stadio, il prefetto ha esentato i lavoratori di Atm ad aderire allo sciopero generale indetto dai sindacati per venerdì 15

È stato revocato, per la sola città di Milano, lo sciopero dei trasporti indetto per venerdì 15 novembre. La decisione è stata presa durante un incontro in Prefettura tra il prefetto di Milano Paolo Tronca e i rappresentanti delle organizzazioni sindacali confederali e della categoria dei trasporti. Il prefetto ha fatto presente ai sindacati la situazione di grave disagio che si sarebbe venuta a creare in vista dell'incontro di calcio che si giocherà venerdì sera allo Stadio Meazza, tra Italia e Germania.

Resta invece confermato lo stop nel resto della Lombardia: i convogli di Trenord, dalle 10 alle 14, potranno subire ritardi, soppressioni e variazioni di percorso. Anche il personale di Trenitalia aderirà alla protesta sindacale, mentre non sono previste modifiche per le frecce e i treni di media e lunga percorrenza.

Venerdì sarà comunque una giornata di passione per la città: in mattinata è previsto un corteo e un comizio, alla presenza del segretario generale della Cgil Susanna Camusso e l'Atm aveva già pensato a spostare la protesta nel pomeriggio per evitare troppi disagi, ma la collaborazione e il senso di responsabilità ha prevalso, grazie alla mediazione del Prefetto Tronca.

Possono stare tranquille anche le famiglie: Milano Ristorazione ha deciso che sarà assicurato un pasto a tutti i bambini che frequentano le scuole comunali. L'azienda ha chiesto che il loro servizio venga considerato come un servizio pubblico essenziale, al pari di quello del trasporto pubblico, e ha avuto il via libera da parte della Prefettura e della Commissione di Garanzia sugli scioperi.

Le mamme e i papà non dovranno preoccuparsi di dover preparare il pranzo il sacco ai propri figli.

  • shares
  • +1
  • Mail