E' già stop ai vigilantes in metropolitana, dopo sole due settimane


Esattamente un mese fa vi annunciavamo su queste pagine l'imminente entrata in servizio di 26 Blue Berets sulle linee della metropolitana milanese, allo scopo di sorvegliarne la sicurezza dopo le 22.30, per un investimento complessivo di 200.000 euro.

Nel sondaggio che lanciammo allora, ben il 66% dei nostri lettori sostenne che si trattava di "soldi spesi bene". Farà dispiacere a questa consistente maggioranza scoprire dal Corriere della Sera, com'è successo ieri a me, che il servizio è stato sospeso, nel contesto della revoca ai Blue Berets di tutte le attività di sorveglianza che svolgono a Milano.

Le ragioni? Primo, la scoperta di legami tra il presidente dei berretti blu Vincenzo Scavo e l'Msi di Gaetano Saya, tristemente noto per il suo progetto di mandare per le strade ronde vestite come i nazisti dell'Illinois. Secondo, stando al vicesindaco Riccardo De Corato, la necessità di adeguarsi alle norme del nuovo pacchetto sicurezza.

Complessivamente, i vigilantes della metropolitana sono stati in servizio solo due settimane. Curioso che De Corato, che è anche deputato, non abbia previsto un mese fa che avrebbe dovuto presto applicare il pacchetto di sicurezza. A voler essere maliziosi si potrebbe notare una cosa: 30 giorni fa si era in piena campagna elettorale..

Foto | Flickr.

  • shares
  • +1
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: