Piano casa Milano: il Parco Agricolo Sud prossima vittima?

fai milano parco agricolo sud milano

Su ecoblog, il piano casa - che si può ridurre, copiando uno slogan elettorale di qualche anno fa in "Più cemento per tutti" - infiamma le discussioni da mesi. Ora torna a parlarne Giulia Maria Crespi del FAI, e non la mette giù proprio come una manna dal cielo per il territorio italiano... ma si sa, zero paranoie, gli italiani hanno senso estetico.

A Milano infatti i sottotetti sono lievitati come pasta per la pizza, negli ultimi anni. E sono tantissimi i palazzi del centro che ora hanno un piano in più, affollato di discutibili mansardine che in queste settimane raggiungeranno temperature da inferno dantesco. Giulia Maria Crespi spiega che la prossima tappa della svendita del territorio, sarà il Parco Agricolo sud Milano

«Ho ancora un esempio legato alla Lombardia che, nel suo piano prevede la possibilità di intervenire addirittura nelle aree protette. Per esempio nel meraviglioso Parco Agricolo Sud: 47 mila ettari! Altro massacro che resterà indelebile che distruggerà un’area ricca di fontanili antichi, terreno ad alta fertilità, piena di antiche abbazie e cascine forzesche. Un polmone verde per i milanesi»

Non solo. Poco fuori città, ricorderete tutti titoli del tipo "Merate come Dallas: il petrolio in Brianza". Sembrava, qualche mese fa, che il parco del Curone dovesse trasformarsi a momenti nel paradiso dell'idrocarburo...

In Lombardia, nel cuore del parco del Curone, cioè della Brianza ancora ben conservata, un meraviglioso parco di 2.700 ettari, è pronto uno studio di fattibilità per permettere alla società australiana Australian Po Valley, per il 50% di proprietà Edison, di estrarre petrolio. Petrolio lì!

  • shares
  • +1
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: