Divieto vendita alcool ai minori di 16 anni: e negli Usa come va?

divieto vendita alcolici minori sedici anni milano

Da ieri a mezzanotte è in vigore il divieto di vendita di alcolici ai minori di sedici anni. Ieri Trab ne ha scritto, intervistando anche un barista di un locale molto frequentato, che ci ha tracciato un quadro impietoso: una generazione di ubriaconi alla Dickens, in pratica. Non avendo sedici anni, non ho idea se la situazione sia così drammatica, o se rispetto ai nostri - e ai vostri - sedici anni, ci sia qualcosa di diverso. Raccontatecelo nei commenti.

Intanto possiamo però scorrere qualche dato estero: negli Stati Uniti a monitorare la situazione è il NIAAA, L'Istituto Nazionale per l'Abuso di Alcool e l'Alcolismo. Da quelle parti è vietato toccare una birra, un cocktail, scolarsi casse di Jack Daniel's fino ai 21 anni. Se non avete voglia di scorrere le tabelle del NIAAA, potete leggere questo articolo del Messaggero

Una gioventù virtuosa e sobria? Tutt’altro: un recente rapporto del ministero della Sanità dichiara che 11 milioni di persone bevono prima del limite legale, e 7 milioni tra loro si ubriaca con regolarità. La metà degli adolescenti sotto i 14 anni ha fatto conoscenza con l’alcool e uno su cinque in questa fascia di età sa cosa è l’ebbrezza etilica. Un quattordicenne su nove ammette di aver bevuto almeno cinque dosi di alcool in una sola seduta nelle ultime due settimane

Intanto il divieto di vendita ai minori di sedici anni piace anche in altri comuni. Non a Roma - se ne parla su 06blog - dove l'ordinanza non convince. Mentre Casini sostiene che andrebbe applicata in tutta Italia.

Foto | Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: