Strane storie milanesi: quel frammento lunare conservato in un caveau e il quarantennale dell'allunaggio

Tra gli inutili parallelismi musicali mi viene in mente la recente canzone de Il Genio sulla la più colossale montatura della storia. Affascinanti tesi complottiste a parte, molti sanno che quest'anno ricorre il quarantennale dell'allunaggio, "un grande passo per l'umanità, un piccolo passo per l'uomo".

Forse invece non tutti sanno che a Milano, presso il Museo Della Scienza e Della Tecnica, è conservato gelosamente un piccolo frammento lunare, parte del bottino raccolto nell’ultima missione Apollo-17 del dicembre 1972 comandata da Eugene Cer­nan. Il frammento è meno di un centimetro ed è racchiuso in una bolla di vetro di 7 cen­timetri ed è stato donato da Nixon nel 1973. Tanto gelosamente che qualcuno ha deciso di diffonderne la notizia in occasione dell'anniversario.

Si perchè la luna resta nel caveau: nessuna esposizione. "Il problema è la sicurezza - spiega Luca Reduzzi, curatore della sezione Astronomia del museo — per questo cerchiamo sponsor che ci aiutino a risolvere il problema". Il progetto è quello di esporlo in futuro in una sezione dedicata. In ogni caso potete dare un occhio al frammento nella gallery di Repubblica, in attesa dell'esposizione.

  • shares
  • +1
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: