Enjoy vs Car2Go

Auto a disposizione di tutti, da pagare solo per il tempo in cui si usano. Si parcheggiano ovunque e viaggiano gratuitamente nell'area C. Dopo l'apripista GuidaMi, l'offerta di auto condivise si moltiplica, ma le condizioni d'uso e i costi variano

Milano sembra essere diventata la capitale italiana del car sharing. Dopo la nascita del servizio GuidaMi del Comune, l'offerta si è moltiplicata e le auto a disposizione di tutti sono sempre di più.

Negli scorsi mesi abbiamo visto comparire le Smart bianche e blu di Car2Go. Il servizio della Mercedes ha preso decisamente il largo in pochissimo tempo, grazie alle oltre 600 auto in giro per la città che riescono decisamente a coprire la copiosa richiesta di abbonati (oltre 50mila i cittadini iscritti al servizio). E, naturalmente, visto il grande successo Milano non poteva pensare che Car2Go sarebbe rimasto il solo per tanto tempo.
Ed ecco arrivare Enjoy, il car sharing nato dalla collaborazione tra Eni, Trenitalia e Fiat.
E in città cominciano a vedersi le prime scintillanti 500 rosse.

I servizi sono identici, ma cambiano condizioni e tariffe. Li abbiamo provati entrambi ed ecco le differenze. Un piccola guida per scegliere cosa conviene:

Le auto - Abbiamo detto che Car2Go offre le Smart, quindi le più piccole e maneggevoli auto per la città, con cambio automatico, ma offrono solo due posti e una capacità di carico praticamente nulla. Ma davvero molto utili per "infilarle" ovunque...Enjoy mette a disposizione due tipi di vetture: la 500 (quattro posti, cambio manuale, 1.2 a benzina) e 500L, il modello più grande (cinque posti, un 1.3 turbodiesel).
E' vero che le Smart sono il mezzo ideale per spostarsi da un luogo all'altro della città e per trovare parcheggio, ma offrono solo due posti. Le 500 sono decisamente più vicine a un'auto per così dire "normale", ma sono pur sempre auto compatte e in più si può viaggiare in quattro, con la possibilità di ridurre il costo ai minimi termini.

I costi - Car2Go chiede 29 centesimi al minuto (la tariffa parte al momento dell'apertura delle porte dell'auto), Enjoy ti fa risparmiare: 25 centesimi al minuto e il vantaggio di poter sostare (dunque tenersi l'auto per sé senza terminare il noleggio) a soli 10 centesimi al minuto. Effettuati 50 chilometri di viaggio, le tariffe rimangono tali ma stavolta contate al chilometro. Per iscriversi a Car2Go occorre sborsare 19 euro, una tantum. Enjoy invece non chiede una quota di iscrizione e si fa tutto tramite il sito dedicato.
I prezzi coprono tutto: carburante, assicurazione, parcheggio su blu o gialle, ingresso in Area C: vietato invece l'uso sulle corsie preferenziali dei mezzi pubblici e dei taxi. Enjoy permette anche di lasciare le 500 presso alcuni distributori dell'Eni e di arrivare fino a San Donato, vista la presenza del quartier generale della compagnia a Metanopoli.

La benzina? - Non ci si deve preoccupare di fare il pieno alle auto, perché in entrambi i casi se ne occupano le rispettive società. Il cliente però ha la facoltà di farla: con Car2Go si può fare solo se il serbatoio è al di sotto di un quarto. Si fa il pieno (presso gli Shell) con la carta carburante in dotazione e si viene premiati con 20 minuti gratis di guida. Anche con Enjoy si può fare benzina, ma solo sotto il 25% del serbatoio e solo presso gli Eni o Agip. Nessun premio per i clienti.

Come si aprono le auto? - Le Smart si aprono avvicinando la tessera a un lettore posto sul parabrezza. La tessera va ritirata nei diversi punti della città, dopo essersi iscritti sul sito. Molto più facile usare Enjoy: attraverso un'applicazione per smartphone (incredibile che non sia ancora prevista per Windows Phone...) si fa tutto. Si prenota l'auto, da utilizzare entro 30 minuti (esattamente come per Car2Go) e si richiede l'apertura delle portiere. Importante da sapere che il costo del noleggio delle 500 parte un minuto dopo l'apertura delle portiere. Ma è possibile gestire il noleggio anche senza uno smartphone: tramite sms o chiamando il call center.
Ovviamente, l'applicazione è comodissima per conoscere in tempo reale la posizione delle auto, tutte geolocalizzate.
Si paga con carta di credito, carta di debito o carta prepagata.

Incidenti, danni, multe - Naturalmente le due società hanno previsto delle tariffe per la gestione di imprevisti e soprattutto per cautelarsi in caso di incidenti o di utilizzi impropri dei mezzi messi a disposizione.
Per Car2Go, in caso di incidente, il cliente va incontro al pagamento di una franchigia di 500 euro, mentre per la gestione delle multe, che naturalmente rimangono a carico dell'utilizzatore, vengono richiesti 20 euro. Se si perde la chiave di accensione si devono pagare 350 euro, ma bisogna mettere in conto anche eventuali spese per la rimozione del veicolo e per altri utilizzi impropri.
Enjoy non prevede franchigia a carico del cliente in caso di incidente, ma si riserva comunque la facoltà di applicare delle franchigie sulla gestione delle coperture assicurative. Enjoy precisa comunque che andranno a carico del cliente tutti i danni al veicolo e/o a persone e cose a lui imputabili. Tutte le spese di gestione delle sanzioni o di eventuali rimozioni sono a carico dei clienti.

Due servizi, a nostro avviso, veramente innovativi e decisamente comodi per chi, per diversi motivi, ha la necessità di spostarsi molto per la città, spendendo meno di un taxi e senza dover attendere un mezzo pubblico. Secondo la nostra opinione, è un servizio molto utile soprattutto per la sera o la notte: senza mezzi a disposizione e con un traffico molto ridotto, la comodità è alla portata di tutti.

Si prevede che, entro la fine del 2014, in città gireranno migliaia di macchine in condivisione, vista la crescita di entrambi i servizi.
Certo, c'è sempre il rischio di finire come l'asino di Buridano: quale servizio scegliere quando serve? L'indecisione potrebbe portarvi a salire sulla 90...

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: