L'Assessore Landi contro l'happy hour? No, solo contro gli abusi. Al via una nuova campagna



A Milano non si beve poco. Questo è risaputo. D'altronde in quale altra città non si beve? A Londra, dove è sport nazionale? A Madrid, dove si organizzano (avano) i botteillon, importati anche da noi? In una città qualsiasi della Scandinavia? Persino le miti popolazioni della Grecia si trastullano a Uzo. A Milano c'è l'happy hour, marchio ormai assurto a simbolo. L'assessore Landi di Chiavenna ha affermato che a Milano si beve troppo, e si inizia troppo presto. Landi contro l'happy hour, così sembrerebbe.

Poi arriva la smentita: "nessuna crociata contro l'happy hour, un momento di aggregazione importante e significativo soprattutto in una città come Milano dai ritmi veloci e stressanti". Così, dopo gli alcolici contraffatti, l'imperativo è qualità, del bere, ma anche del mangiare. Nasce così il 'Patto di ferro' con gli esercenti del commercio per aiutare i giovani a bere in modo più responsabile.

In pratica si tratta di una campagna di sensibilizzazione sui danni provocati dall'abuso di alcol promossa da Comune e Unione del Commercio. In linea con l’accordo siglato ad agosto, è in corso la distribuzione dei cartelli da esporre presso i punti vendita e i locali milanesi aderenti all’Unione del Commercio con il messaggio “Non sei tu che abusi dell’alcol. E’ lui che abusa di te”.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: