Milano, i furbetti dell'università

False certificazioni Iseeu per entrare nelle fasce di reddito più basse: controlli a tappeto in Bicocca e al Politecnico

bicoccabw

A Milano gli universitari che dichiarano redditi non veritieri hanno ora vita difficile. Sono infatti in corso dei controlli finanziari presso il Politecnico e la Bicocca. Ad oggi, sono stati recuperati oltre due milioni di Euro relativi alle tasse evase.

I furbetti che evadono le tasse universitarie sono generalmente giovani con un reddito familiare medio-alto, che dichiarano però di vivere con i nonni e di essere in ristrettezze economiche. Ciò comporta uno slittamento nelle fasce minime, con tasse molto più basse da pagare. Dal momento che questa spiacevole situazione si sta diffondendo a macchia d'olio, le Università si stanno tutelando, mettendo in atto una serie di controlli serrati, volti a smascherare i falsi dichiaranti.

Ci si chiede dove siano finiti i soldi recuperati, dal momento che la cifra non è indifferente. Fortunatamente, sono stati reinvestiti in preziose iniziative rivolte agli studenti più meritevoli. Gli studenti della Bicocca con miglior profitto, l'anno scorso, hanno potuto beneficiare di premi in denaro tra i 120 e 500 Euro. Al Politecnico, invece, sono state messe a disposizione delle borse di studio per gli studenti che, nonostante abbiano tutti i requisiti necessari per studiare, non hanno la possibilità di pagare la retta universitaria. Altro denaro è stato infine investito per la sovvenzione degli studenti fuori sede, per i vari progetti Erasmus e per tutti i tesisti che hanno deciso di laurearsi in una sede estera.

  • shares
  • +1
  • Mail